Covid, ancora casi in aumento, 11.705: decessi 69

26

Sono 11.705 i nuovi contagi da coronavirus registrati in 24 ore in Italia, in aumento rispetto ai 10.925 di ieri. Sono di meno, invece, i tamponi eseguiti: 146.541, mentre ieri avevano toccato la cifra record di 165.837. Sono 69 i morti, 45 i pazienti in più in terapia intensiva. È questo il quadro che emerge dal bollettino del ministero della Salute del 18 ottobre sulla situazione coronavirus in Italia. I nuovi casi sono sparsi in tutte le regioni: in testa la Lombardia con 2.975, poi la Campania con 1.376, il Lazio con 1.198 e il Piemonte con 1.123. Cresce il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva: a oggi sono 750 (+45). Sulle terapie intensive, comunque, si conferma l’andamento molto diverso rispetto ai mesi scorsi: la percentuale di positivi ricoverati il 4 aprile era del 4,5%, mentre al 17 ottobre è dello 0,6% .

Vittime, guariti e tamponi

Dall’inizio della pandemia, in Italia le persone risultate positive al coronavirus, compresi guariti e deceduti, sono 414.241. Le vittime, in totale, sono 36.543, con 69 decessi nelle ultime 24 ore (ieri 47). I guariti, sempre nelle ultime 24 ore, sono 2.334, per un totale di 251.461. I ricoverati con sintomi sono 7.131 (+514). Sono invece 118.356 le persone in isolamento domiciliare (+8.743). I tamponi sono in tutto 13.540.582, in aumento di 146.541 rispetto al 17 ottobre. I casi testati sono finora 8.199.744, al netto di quanti tamponi abbiano fatto.

Covid: nel Lazio oggi oltre mille casi, record a Frosinone

“Su 23 mila tamponi oggi nel Lazio si registrano 1.198 casi positivi (il dato tiene conto di 197 recuperi di ritardate notifiche nelle ultime 48 ore, in particolare nella Asl di Frosinone), 6 i decesso e 49 i guariti”. Cosi’ l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. “A Frosinone record dei casi” ha aggiunto D’Amato. Nella Asl di Frosinone – si legge nel bollettino di oggi – si registrano 275 casi e il dato tiene conto di recuperi di notifiche arretrate”.

Locatelli (Consiglio Superiore di Sanità): presto acquisto 20 mln tamponi antigenici

Il gruppo tamponi antigenici “che sono sono stati validati nei giorni scorsi, permetterà al commissario Arcuri di poter procedere all’acquisto che è stimato nell’ordine di 19-20 milioni e che avverrà molto presto”. Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e componente del Comitato tecnico scientifico durante la trasmissione “Mezz’ora in più” su Rai3.