Non bere il caffè a stomaco vuoto, ecco cosa ti può accadere!

765

Bere il caffè appena svegli, prima di mangiare qualunque cosa, può portare all’assuefazione: in altre parole, la caffeina ci farà sempre meno effetto e sarà sempre meno stimolante. Questo perchè il caffè va ad interferire con la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress che però serve a renderci svegli e reattivi, e che proprio in quel momento, cioè al risveglio, è alle stelle.

Inoltre, una ricerca dell’Università di Bath, in Inghilterra, ha dimostrato anche che esiste un rapporto fra caffè e livello di zucchero nel sangue: confrontando i valori di zucchero nel sangue di 29 adulti che hanno bevuto caffè appena svegli, soprattutto se la notte era stata agitata e difficile, è emerso che i valori erano più alti rispetto a chi aveva fatto colazioni diverse.

Infine, bere caffè a stomaco vuoto aumenta la produzione di acido cloridrico che è il principale costituente del succo gastrico: in quel momento però non abbiamo bisogni di succhi gastrici e questi, a lungo andare, provocano patologie come reflusso, ulcera, gastrite. Dopo pranzo invece il caffè aiuta molto, proprio per questa sua capacità, la digestione.

Il caffè al mattino resta un’abitudine irrinunciabile, quasi un rito, ma è preferibile berlo dopo aver mangiato qualcosa. Così potrete approfittare delle tante capacità positive di questa bevanda aromatica, senza risentire di effetti collaterali.