Ti piacciono le arachidi? ecco cosa accade al tuo corpo se esageri

3700

Sui benefici e le proprietà della frutta secca tanto si è detto ed è tutto assolutamente vero: fonte di calcio, di omega-3, di vitamine, fibre e sali minerali, i diversi tipi di frutta secca non dovrebbero mai mancare nella dieta di tutti, grandi e piccoli, perchè sono in grado di apportare benefici ad ogni fascia di età.

Ovviamente parliamo di frutta secca come macro-categoria, poi ogni tipo di frutto ha le sue peculiarità e i suoi valori nutritivi: sappiamo infatti che la frutta secca non è un alimento ipocalorico e che quindi, in linea generale, non va mai consumato in dosi massicce, mentre è preferibile mangiarne una porzione al giorno tutti i giorni.

Parliamo ad esempio delle buonissime arachidi, che a ben vedere sono legumi e non frutta secca: sono portatrici di grassi buoni oltre che una miniera di proteine vegetali. vitamine e fibre. Le quantità consigliate, per via delle calorie, non sono alte: bastano 10 arachidi al giorno per abbassare l’indice glicemico e rallentare l’assorbimento degli zuccheri.

Cosa succede però se, presi dall’una tira l’altra, mangiamo troppe arachidi? Come spesso succede, il troppo stroppia e anche le benefiche qualità dell’arachide scompaiono per lasciare il posto a fastidiosi effetti collaterali.

Le arachidi sono infatti una fonte di fitati, un antinutriente che impedisce l’assorbimento di alcuni importanti minerali come calcio, ferro e zinco. Inoltre contengono alcuni enzimi che durante la digestione, se la quantità è eccessiva, possono portare ad aria nell’intestino e quindi a gonfiore e diarrea. Le arachidi contengono anche un alto livello di acidi grassi omega-6, mentre gli omega-3 sono molto di meno: lo squilibrio fra questi due acidi grassi può causare infiammazione e sappiamo bene che gli stati di infiammazione nel corpo sono assolutamente sconsigliati in quanto portano a malattie gravi come artrite e cancro, oltre che insulino-resistenza e obesità.