Arriva il maltempo: Clima più freddo la prossima settimana, calo delle temperature

428

La stabilità atmosferica che ha caratterizzato la prima parte di novembre ha le ore contate. Lo spiegano i meteorologi di 3bmeteo. “Tra domenica sera e martedì infatti tornerà la pioggia grazie a una perturbazione che scivolerà da Nord a Sud coinvolgendo un po’ tutta l’Italia”.

Maggiormente interessate dal maltempo saranno le regioni tirreniche e il Nordest: Lunedi sarà la giornata in cui l’azione del fronte eserciterà la sua influenza più diffusa e attiva sulla Penisola. I fenomeni che potranno essere anche a carattere di rovescio o di temporale e saranno localmente anche intensi interesseranno prevalentemente il Nordest, le regioni centrali e il basso Tirreno. Schiarite anche ampie le ritroveremo al Nordovest, la Lombardia, l’estremo Sud e le Isole Maggiori, in Sicilia qualche piovasco è previsto dalla sera. I venti saranno tesi sud occidentali ed in rotazione dai quadranti settentrionali tra il pomeriggio e la sera. Le temperature in calo al Centro Sud soprattutto area tirrenica e medio Adriatico.

MARTEDÌ CON RESIDUA INSTABILITA’ AL SUD: un repentino aumento della pressione da ovest riporterà il sereno sulle regioni centro settentrionali e la Sardegna con qualche strascico nuvoloso solo sul medio Adriatico al mattino. Al Sud tempo ancora inaffidabile con piogge e locali rovesci anche abbondanti tra Sicilia e Calabria ma con tendenza a rapido miglioramento su Molise, Puglia e Campania. In serata miglioramento quasi ovunque con qualche residuo piovasco solo sulla Sicilia. I venti saranno tesi settentrionali. Le temperature ancora in calo al Sud.

Nel corso della nuova settimana l’alta pressione tornerà a rimontare da ovest, favorendo un nuovo generale miglioramento; tuttavia è possibile che tra il 20 e il 22 novembre una seconda e più intensa perturbazione, questa volta seguita da aria fredda in arrivo dal Nord Europa, investa il nostro Paese. Secondo i meteorologi di 3bmeteo.com si potrà assistere anche a qualche nevicata sugli Appennini complice un forte abbassamento delle temperature.