Bonus per partite Iva e artigiani: più alti per chi è nelle zone rosse

702

Il governo ha assicurato che aiuterà le imprese con un decreto da 1,5 miliardi di euro, ma il criterio su come queste cifre saranno distribuite è ancora al vaglio. Si parla di valutare la diversa incidenza delle restrizioni sulle attività. Nuovi aiuti in arrivo per partite Iva e artigiani. Il governo ha promesso nuovi sostegni alle imprese, ma l’ipotesi allo studio mirerebbe non a un’erogazione “a pioggia”, ma in misura variabile a seconda delle restrizioni che si troveranno ad affrontare.

Il nuovo testo, il cosiddetto Ristori Bis, dovrebbe vedere la luce venerdì 6 novembre e all’interno ci saranno nuovi aiuti per le imprese. Nelle zone a più alto rischio, quelle rosse, si ipotizza la chiusura totale di ristoranti e nuovi orari per i negozi. Quelle arancioni avranno invece un livello di allerta, e quindi di vincoli, ridotti. I bonus saranno tarati proprio in base al livello delle restrizioni e quindi del potenziale danno economico. Si parla comunque di regole severe anche nelle zone verdi. Per esempio una chiusura totale dei centri commerciali in tutta Italia durante il weekend.

La definizione in corso delle restrizioni nelle tre zone rende complesso definire la futura ricaduta degli aiuti. Il tema è anche economico, il Tesoro deve capire dove reperire le risorse per finanziare il nuovo decreto. Il dl Ristori, approvato il 27 ottobre, ha infatti già innalzato il deficit al 10,7%, avanzando dal 10,5% indicato nel Documento programmatico di bilancio. Il tetto, fissato dalla Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza, è di 10,8 per cento. Il margine è quindi dello 0,1%, circa 1,7-1,8 miliardi.