Covid: 37.255 nuovi casi, i morti sono 544

116

I nuovi dati del ministero della Salute riportano 37.255 contagi su 227.695 tamponi processati. Il rapporto positivi/test stabile al 16,3%. Le vittime in 24 ore sono 544. I ricoveri in terapia intensiva aumentano di 76 (ora 3.306), quelli ordinari totali di 484 (ora 31.398). Si è tenuta in mattinata al ministero della Salute la conferenza stampa sull’andamento dell’epidemia, che mostra segnali di miglioramento. Ma il presidente dell’Iss Brusaferro avverte: “Non c’è ancora il calo della curva”.

Rischio alto, mantenere la consapevolezza

“Mantenere alta la consapevolezza del rischio che è alto in tutte le regioni, serve a rafforzare le misure messe in atto per ridurre i nuovi casi”, ha sottolineato ancora Brusaferro. “L’Rt ha avuto flessione e la maggior parte delle regioni sono in scenario 3 ma altre in scenario 4”, ha confermato, lanciando l’appello a rafforzare le misure in atto in base al contesto regionale. “L’ obiettivo è ridurre più rapidamente possibile l’Rt sotto 1 , per evitare che un’onda lunga possa mettere in ulteriore sovraccarico i servizi sanitari”, ha detto.

Cresce età media di chi contrae l’infezione

“Seppur lentamente l’età mediana delle persone che si infettano sta crescendo, non siamo ai livelli di marzo ma l’età sta crescendo lentamente. In questa fase il numero di persone anziane che contraggono l’infezione è cresciuto e gli asintomatici superano il 50%”, ha detto ancora il presidente dell’Iss. Brusaferro, inoltre, ha confermato che “aumentano le curve dell’occupazione in area medica e terapie intensiva e si stanno raggiungendo le soglie limite, ma bisogna anche considerare i posti letto attivabili nel Paese e che si stanno già predisponendo”.

Mascherine “cruciali”

“L’uso delle mascherine di comunità e chirurgiche è uno strumento importantissimo anche per i prossimi mesi, ma vanno usate correttamente”, ha detto il numero uno dell’Iss. “Tenerle sotto il naso ad esempio non è un uso corretto. Il tipo Ffp2 e Ffp3 è invece per un uso professionale e hanno un tempo di utilizzo più limitato”.