Gatti: un nuovo complesso di feromoni felini per gatti felici

176

Chi ha un gatto lo sa: meraviglioso, ma difficile a volte capire il suo comportamento, tanto da scambiare i suoi segnali di disagio per dispetti. E’ il caso delle ben note graffiature sui mobili, la pipì ovunque, il nascondersi sempre o leccarsi troppo. “In realtà, molti gatti oggi, soprattutto nei contesti urbani, conducono una vita lontana dalle loro necessità etologiche” osserva Francesca Frigerio, responsabile marketing delle linee OTC di Ceva Salute Animale. “Vivono all’interno di appartamenti, magari in città, senza relazioni con altri animali, con scarsa possibilità di cacciare, arrampicarsi e scoprire e con una vita relazionale scarna, a causa dello stile di vita contemporaneo dei proprietari che lavorano, hanno tanti impegni e sono spesso assenti“.

Non sorprende, allora, che quasi 6 proprietari su 10 osservino diversi segnali di stress nel compagno felino ed è per tutti una preoccupazione crescente perché l’affetto verso il gatto è profondo e di natura parentale; il desiderio di cura e di condividere una relazione serena sono le caratteristiche oggi di chi divide la vita con un gatto. I segnali di stress a cui prestare attenzione sono diversi e i più ricorrenti, talvolta compresenti, sono: 

  • le marcature urinarie (la cosiddetta “pipì ovunque”)
  • le graffiature (in particolare quelle verticali, considerate non fisiologiche)
  • la paura eccessiva (il gatto che si nasconde sempre)
  • i conflitti tra gatti della stessa casa.

In periodi come quello attuale, con maggiore presenza a casa del proprietario (che lavora, ad esempio, in smart working), c’è la possibilità di osservare meglio il comportamento del gatto e di passare più tempo insieme, per conoscersi e capirsi meglio. Secondo una ricerca internazionale condotta da Feliway, durante il periodo di lockdown in primavera l’89% dei proprietari di felini in Italia ha trascorso più tempo del solito con il proprio gatto: “Un tempo insieme ideale per rafforzare la relazione ma durante il quale diversi proprietari hanno notato comportamenti alterati e manifestazioni di disagio” ha osservato Francesca Frigerio. In quella fase, diversi proprietari (33%) hanno osservato dei cambiamenti nel comportamento del gatto, con una maggiore ricerca di attenzioni e coccole (52%), mostrando più affetto (41%) e con più pianti e miagolii (28%). Le cause? Il 75% attribuisce l’alterazione del comportamento ad una diversa routine della famiglia, il 51% a nuove abitudini nella relazione con il gatto e il 35% pensa che un fattore di stress sia avere sempre tutta la famiglia in casa per tutto il tempo.

Chi osserva segnali di stress nel gatto, e chi in generale desidera prevenirli, oggi ha un nuovo alleato: un complesso di feromoni felini che riunisce in un prodotto unico un mix selezionato dei feromoni felini più adatti, nella concentrazione idonea per inviare al gatto messaggi di fiducia e sicurezza sia ambientale che sociale in modo ancora più completo, preciso ed efficace. Si tratta del nuovo Feliway Optimum, derivato da anni di ricerca di Ceva Salute Animale: una soluzione non farmacologica, clinicamente testata utile per affrontare tutte le più comuni situazioni di stress, anche nei gatti che manifestano una molteplicità di segnali di disagio contemporaneamente. Feliway Optimum si presenta sotto forma di diffusore per ambiente, è inodore e non è percepito da altri animali né dalle persone, e gli studi clinici mostrano che il 93% dei proprietari ha notato maggiore serenità nel gatto in 1 mese, con efficacia dimostrata su tutti i segnali di stress più comuni.

Cosa sono i fermoni felini?

Dal linguaggio del corpo ai versi emessi con la voce, i gatti utilizzano tanti modi per comunicare. Nonostante gli esseri umani non siano in grado di rilevarli, i feromoni rappresentano uno dei mezzi più importanti. Si tratta di un tipo di comunicazione chimica olfattiva (o odorosa) che tutti i gatti usano per interagire tra loro e con il mondo circostante. Attraverso alcune ghiandole speciali, i felini producono grandi quantità di feromoni che trasmettono significati e messaggi diversi agli altri gatti e ne influenzano i comportamenti. Tutti i gatti sanno interpretare questi segnali a prescindere dalla loro età.

Per condividere o depositare i suoi feromoni il gatto adotta una serie di comportamenti. Ad esempio:
• Strofinare la testina contro gli oggetti in casa
• Grattare o graffiare
• Dare piccoli colpetti con la testa ad altri gatti (o a al padrone)
• Strofinarsi contro oggetti e superfici
• Marcare il territorio.