Patate dolci, Ecco le proprietà e come cucinarle per esaltare il loro sapore unico

283

Le patate dolci appartengono alla specie botanica dell’Ipomoea batatas, della famiglia delle Convolvulaceae e si presentano come una radice tuberosa dal sapore zuccherino, che contiene molto amido. Sono lontanamente imparentate alle patate classiche, della famiglia delle Solanacee, ed entrambe sono ortaggi da radice (la parte commestibile è il tubero), ma sono diverse per consistenza e conformazione. Le patate dolci possono variare dal colore rosso-arancio, al marrone al bianco mentre la parte interna può essere gialla, arancione oppure viola.

Come la patata tradizionale, quella dolce detiene gli stessi valori per quanto concerne i macronutrienti. Con 100 grammi di patate dolci bollite, il nostro organismo incamera circa 80 calorie, 21 grammi di carboidrati, 2 grammi di proteine e 0,15 grammi di grassi. La patata americana è, quindi, un alimento consigliato anche nelle diete. Senza contare le vitamine e i minerali, molto più presenti nella patata dolce, rispetto a quella classica. Ricca di vitamina A, B6 e C, insieme a sali minerali come: magnesio, potassio, calcio, manganese e fosforo.

Un vero e proprio integratore naturale, dalle proprietà antiossidanti e, grazie alla presenza delle fibre, utile in caso di stipsi. Ma le patate dolci hanno controindicazioni? Non sono molte, bisogna solo considerare che la patata dolce è una fonte di acido ossalico, una molecola che può portare alla creazione di calcoli.

Patate dolci: come integrarle nella cucina mediterranea

La patata dolce non fa propriamente parte della cucina mediterranea, ma sono numerose le ricette per potersi sbizzarrire in cucina e per utilizzarla anche al posto della patata comune o della zucca. Potete iniziare provando con delle patate dolci al forno, in versione chips, oppure lesse per accompagnare un secondo piatto. Altre ricette consigliate sono le baked potatoes, cioè le patate al forno ripiene con formaggio, verdure, prosciutto cotto, a vostra scelta; oppure la zuppa di patate o si possono mangiare crude per insaporire l’insalata.