Peperoncino, chi lo mangia vive più a lungo e con cuore sano

144

Ottima notizia per gli amanti dei cibi piccanti. Il peperoncino rosso non solo aiuta a dimagrire, ma fa bene anche al cuore: Chi lo consuma può vivere più a lungo e avere un rischio significativamente ridotto di morire di malattie cardiovascolari o cancro, secondo una ricerca preliminare che sarà presentata alle sessioni scientifiche 2020 dell’American Heart Association.

Studi precedenti hanno scoperto che mangiare peperoncino ha un effetto antinfiammatorio, antiossidante, antitumorale e di regolazione del glucosio nel sangue dovuto alla capsaicina, che conferisce al peperoncino l’intensità quando viene mangiato. Per analizzare gli effetti del peperoncino sulla mortalità per tutte le cause e per malattie cardiovascolari, i ricercatori hanno esaminato 4.729 studi da cinque principali database sanitari globali (Ovid, Cochrane, Medline, Embase e Scopus). La loro analisi finale include quattro ampi studi che includevano risultati di salute per i partecipanti con dati sul consumo di peperoncino.

Dati sanitari e sulla dieta di oltre 570.000 persone negli Stati Uniti, in Italia, Cina e Iran sono stati utilizzati per trovare differenze tra chi consumava peperoncino e chi invece non lo utilizzava mai o raramente. Rispetto alle persone che mangiavano raramente o mai il peperoncino, in chi lo consumava è stata rilevata una riduzione relativa del 26% della mortalità cardiovascolare, una riduzione relativa del 23% della mortalità per cancro e una riduzione relativa del 25% della mortalità per tutte le cause.

I risultati, però, avvertono gli studiosi, guidati dal dottor Bo Xu, cardiologo della Cleveland Clinic’s Heart, Vascular & Thoracic Institute, in quanto preliminari necessitano di ulteriori conferme a livello scientifico. Bisogna inoltre capire se vi siano dei tipi di peperoncino o delle quantità che possono essere associate a dei benefici per la salute.

Peperoncino: i benefici più famosi

Il peperoncino per il controllo del peso e del colesterolo

Gli antiossidanti contenenti nel peperoncino sono utili per ridurre il colesterolo nel sangue riducendo così la possibilità di malattie cardiovascolari. Il peperoncino viene quindi consigliato nelle diete dimagranti perché, secondo alcuni recenti studi, riduce il grasso addominale e di conseguenza il peso globale dell’individuo.

Una fonte preziosa di vitamina C

Il peperoncino è ricco di vitamina C come arance e limoni. Questa vitamina conosciutissima è importante per l’assimilazione del ferro e per rinforzare il sistema immunitario.

Vitamina A e sali minerali nel peperoncino

Oltre alla vitamina C, il peperoncino contiene la vitamina A, preziosa per la vista (attenzione però a non toccarvi gli occhi dopo averlo manipolato!). Calcio, ferro, fosforo e potassio sono i sali minerali contenuti nel peperoncino, per questo veniva assunto nei Paesi più caldi già in passato.

Peperoncino: benefici meno conosciuti

Il peperoncino, un alleato per lo stomaco

Potrà sembrare un controsenso, ma il peperoncino piccante svolge un’azione benefica sullo stomaco aiutando la cicatrizzazione delle ulcere. Mangiare il peperoncino stimola la secrezione di alcuni particolari enzimi nel nostro stomaco aiutando la digestione. Per questo un cibo cotto con il peperoncino si conserva più a lungo.

Il peperoncino come antidolorifico naturale

La capsaicina contenuta nel peperoncino è molto conosciuta per alleviare diverse tipologie di dolore. Quando parliamo di peperoncino abbiamo quindi davanti un buon antidolorifico naturale contro mal di denti e dolori muscolari.

L’elenco dei benefici del peperoncino

  • Adatto per il controllo del peso
  • Riduce il colesterolo cattivo nel sangue
  • Contiene vitamina C che rafforza il sistema immunitario
  • Ottimo alleato per assimilare il ferro
  • Prezioso per la vista
  • È ricco di sali minerali
  • Facilita la digestione
  • È un antidolorifico naturale