Popcorn, il segreto per farli mantenere freschi per giorni, anzi per mesi!

24
Popcorn exploding inside the packaging striped.

Straordinariamente buoni e appetitosi da mangiare da soli o in compagnia (chi non l’ha mai fatto guardando un film al cinema o in salotto?), un dubbio assilla le menti di chi vorrebbe farne ampio uso senza nuocere alla propria dieta: i pop corn fanno ingrassare? Cerchiamo di scoprirlo, chiarendo quali siano i loro valori nutrizionali, e come potersi avvicinare con serenità a questo snack.

Popcorn, valori nutrizionali

Per poter determinare quali sono i valori nutrizionali dei pop corn, bisogna partire con i valori nutrizionali del mais, da cui sono tratti (i pop corn non sono nient’altro che chicchi di mais “scoppiati”, no?). Ebbene, l’apporto calorico si aggira intorno alle 375 Kcal, con una quota di carboidrati pari a 75 gr., proteine per 10 gr., grassi per 5 gr. (i valori di cui sopra sono riferiti a 100 grammi di prodotto). Il mais è inoltre un ottimo elemento nutriente grazie alle vitamine che può apportare, e ai suoi sali minerali. Ogni 100 grammi di prodotto troviamo infatti 300 mg di potassio, 250 mg di fosforo, 150 mg di magnesio, 2 mg di vitamina PP, 60 mg di vitamina A.

Naturalmente, fermi tali valori, gli stessi potrebbero subire qualche cambiamento in seguito al modo con cui i chicchi di mais vengono fatti scoppiare. L’aggiunta di olio o di burro in padella rischiano infatti di far salire in misura vertiginosa i grassi e le calorie, così come l’aggiunta di sale o di zucchero (a seconda dei gusti!) può contribuire a far innalzare il livello di sodio (che di base è invece molto basso) e di glucidi.

I pop corn fanno bene.Chiarito quanto precede, è bene sottolineare fin da subito che i pop corn fanno molto bene, trattandosi di uno degli snack più salutari a cui potete attingere per i vostri spuntini. Al di là delle calorie, che possono essere contenute attraverso una cottura ad aria calda, invece che in padella, i pop corn sono ricchi di polifenoli, che sono degli elementi antiossidanti naturali particolarmente importanti per poter contrastare l’invecchiamento cellulare.

Invece i popcorn acquistati al cinema e consumati durante un film, sono pieni di sale e spesso variegati al burro, sono deleteri per la salute e per la linea. Prepararli a casa però è invece semplice e veloce: basta acquistare una bustina di semi e farli “esplodere” in una padella appena unta d’olio (e ben coperchiata!), mentre sarebbero da evitare quelli in busta da mettere in microonde.

Cosa succede però se si preparano troppi popcorn e questi avanzano? Purtroppo il giorno dopo li troviamo invariabilmente mollicci e insapori e anche se riusciamo a chiuderli in qualche contenitore ermetico, la loro vita non sarà molto più lunga.

La soluzione è molto semplice ma scommettiamo che nessuno di voi ci aveva ancora mai pensato: i popcorn avanzati (o quelli preparati in anticipo) possono essere messi in un sacchetto e chiusi nel freezer. In questo modo, quando li tirerete fuori saranno freschi come appena fatti e possono durare fino a tre mesi, provare per credere!

Il segreto sta proprio nel fatto che l’aria fredda tiene fuori l’umidità, ma alla fine i popcorn non si congelano effettivamente mai: è un semplice sistema per tenerli “sospesi” e quando li tirerete fuori sarà sufficiente passarli qualche minuto in forno (o anche nel microonde) per riscadarli.