Romania, incendio in terapia intensiva: morti 10 pazienti Covid

72

Fiamme nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Piatra Neamt, in Romania: non sono ancora note le cause dell’incendio divampato, il bilancio al momento è di 10 morti e 7 feriti in condizioni gravi con ustioni di secondo grado sull’80% del corpo. Le fiamme si sono sviluppate verso le 18.30 ora locale, nell’ala dove erano ricoverati 16 pazienti affetti da Covid-19, e tutte le vittime erano contagiate dal coronavirus.

Ancora sconosciute le cause dell’incendio, domato poi dai vigili del fuoco. Tra i feriti gravi anche il medico di turno. Il ministro della Sanità rumeno, Nelu Tataru, si è recato sul luogo dell’incidente. L’incendio potrebbe essere stato causato da un cortocircuito, ma le cause dell’incidente saranno chiarite dall’inchiesta che a breve verrà avviata dalla Procura.

La Romania è una delle nazioni più povere d’Europa e soffre di una forte carenza di personale medico, soprattutto nelle aree rurali. La paura, pertanto, è che per il sistema sanitario rumeno gestire l’epidemia possa diventare complicato, soprattutto a fronte di numeri molto inferiori rispetto ad altri Paesi europei.