Cashback al via, ma ancora problemi sull’app IO

99

Primo giorno di “cashback”, ma sull’app IO si registrano ancora problemi di caricamento dati. Sui social molti utenti segnalano disservizi e blocchi sull’applicazione, sulla quale al momento – come ha potuto verificare AGI – e’ ancora impossibile inserire i dati di carte di credito e debito, passo fondamentale per ottenere i rimborsi del 10% sugli acquisti. Sembrano invece funzionare senza intoppi le piattaforme di pagamento ‘accreditate’, come Satistpay e Hype.

Ieri in serata Palazzo Chigi aveva spiegato che i disservizi sono dovuti al grande numero di persone che hanno scaricato l’app e tentato di inserire i propri dati: 6,6 milioni secondo le ultime stime. In particolare, a gravare sui sistemi di PagoPa sarebbero i picchi di operazioni registrate ogni secondo, circa 8.000. Da ieri si è potuto cominciare a caricare i dati delle carte sull’applicazione dei servizi pubblici IO, ma subito si sono registrati i primi problemi. 

 I dati più aggiornati ci dicono invece che l’app IO è stata scaricata finora da 7,1 milioni di persone finora. Con il boom di download dell’ultima settima (2,1 milioni, 652 mila nelle ultime 24 ore), l’app necessaria per ottenere il bonus cashback si è avvicinata rapidamente al numero di download ottenuti finora dall’app Immuni, quella lanciata per contrastare la diffusione della pandemia (9,9 milioni al momento). Più precisamente, i numeri di download dell’app è di 7.117.462.

I problemi comuni agli utenti nell’accesso

“Si è verificato un errore temporaneo nel salvataggio di questa carta”, “non siamo riusciti a recuperare la tua carta PagoBancomat”, “non è stato possibile caricare i tuoi metodi di pagamento, riprova per piacere”: sono questi alcuni dei messaggi cui si sono trovati di fronte gli utenti che hanno cercato di iscriversi al Cashback sulla app IO. La versione aggiornata della app è stata rilasciata solo stanotte. Si sono verificati subito intoppi nella registrazione. Il sistema, in molti casi, accoglie la richiesta di attivare il servizio, compresa l’indicazione dell’Iban per i rimborsi, ma poi crea problemi quando si registrano i metodi di pagamento. Meno intoppi per gli utenti che invece avevano iniziato ad utilizzare l’applicazione per altri servizi pubblici, come il bonus vacanze, e avevano preventivamente registrato tutti i dati. Il gestore dell’infrastruttura PagoPa si è scusata per i disservizi e garantisce di essere al lavoro per risolvere tutti i problemi.