Come influisce sul nostro corpo la posizione in cui dormiamo

22830

Qual è il lato giusto sul quale dormire? Fa davvero male dormire sul lato destro? Sono molti gli studiosi che si sono posti queste domande, tanto che sono stati tenuti numerosi studi volti a valutare quanto la scelta di dormire sul fianco destro o sinistro possa influire sulla salute.

La medicina orientale da molto tempo sostiene che la scelta di non dormire sul fianco destro ma bensì scegliere quello sinistro possa portare benefici all’apparato linfatico, al cuore, alla milza e favorire la digestione. Gli esperimenti condotti dagli scienziati sembrano confermare questa teoria. Vediamo quindi perché è sconsigliato dormire sul fianco destro e quali sono i vantaggi di scegliere il lato sinistro del nostro corpo quando andiamo a coricarci.

Lo studio condotto dal Dottor John Doulliard e recentemente pubblicato sulla rivista scientifica The Journal of Clinical Gastroenterology ha confermato che dormire sul fianco destro può portare problemi alla salute sul lungo termine. Questo perché questa posizione andrebbe ad ostacolare il corretto funzionamento del sistema linfatico, posizionato nella parte sinistra del corpo.

Inoltre, quando dormiamo appoggiati sul lato destro, andiamo a comprimere la milza e quindi ad ostacolare la sua naturale attività. Dormire in posizione fetale sul fianco destro andrebbe anche a favorire il reflusso gastro-esofageo e quindi ad aumentare il rischio di soffrire di bruciori di stomaco, in particolare nei soggetti che sono già predisposti.

La posizione del tuo sonno fa molto di più che aiutarti a metterti comodo; può portare o prevenire alcuni disturbi del sonno. Le costole dello stomaco, ad esempio, sono più inclini a causare mal di schiena per l’aumentata pressione sulla parte inferiore della colonna vertebrale. Se al momento hai a che fare con il mal di schiena e dormi sullo stomaco, cerca un materasso più solido che impedisce al bacino di affondare. In genere non si raccomanda di dormire sullo stomaco a causa del rischio di dolore che comporta.

La posizione supina, d’altra parte, è la posizione che mantiene più facilmente la colonna vertebrale in una posizione neutra. Una colonna vertebrale neutra è relativamente diritta e livellata dalla cima della testa fino al bacino.Indipendentemente dalla tua posizione di riposo, la schiena in posizione neutra dovrebbe sempre essere il tuo obiettivo.

La neutralità della posizione supina può variare in base al peso e al tipo di materasso. Ad esempio, se hai un materasso troppo rigido per il tuo peso, il materasso potrebbe non essere conforme alle spalle e ai fianchi. Ciò può esercitare pressione sulle vertebre e costringere la schiena a disallinearsi anziché sostenere le curve della parte superiore e inferiore della schiena.

Per quanto stare supini sia la posizione migliore per l’allineamento spinale, non è la posizione migliore per tutti. Ad esempio, chi soffre di reflusso gastroesofageo può peggiorare la sua condizione quando riposa. In questa posizione, i succhi gastrici non si accumulano in posizione ottimale nello stomaco. Inoltre, il reflusso acido notturno può causare più danni all’esofago perché c’è meno produzione di saliva e deglutizione, che limitano l’acido nell’esofago durante il giorno.

La posizione del sonno che fa per te dipende da una combinazione delle tue condizioni mediche e delle tue preferenze personali. Puoi mantenere la colonna vertebrale neutrale in quasi tutte le posizioni purché tu abbia il materasso migliore per il tuo stile di sonno.

Abbiamo già menzionato come i materassi più solidi possono aiutare le persone che dormono nello stomaco, ma anche le persone che dormono di lato hanno esigenze uniche. Coloro che dormono supini generalmente godono della maggior parte delle opzioni di materasso a causa della loro posizione spinale naturalmente neutra. Per loro, le preferenze personali assumono un ruolo maggiore.

I vantaggi delle posizioni laterali

Quando si tratta di organi interni, la posizione laterale è consigliatissima, perché riduce il rischio di reflusso acido, problemi respiratori ed è la migliore per il cuore. In più questa è la posizione di sonno più comune tra umani e altri animali.

Questa posizione ha tre varianti di base:

  1. Posizione fetale: come suggerisce il nome, questa posizione imita la posizione di un feto: le ginocchia piegate verso il petto con le mani tirate dentro. La leggera curva della colonna vertebrale in questa posizione allevia la pressione e lo stress sulla schiena.
  2. Posizione del cercatore: Il cercatore dorme su un lato con le gambe dritte e le braccia tese in avanti come se cercasse qualcuno o qualcosa.
  3. Posizione del tronco: il dormiente del tronco si trova su un fianco con le gambe relativamente dritte e le braccia dritte ai lati.

Mentre queste sono le posizioni laterali più comuni, molte persone sono dormienti combinati che passano da un lato diverso o addirittura alla schiena o allo stomaco durante la notte. Il miglior materasso assorbe e sostiene uniformemente le curve laterali del corpo. Magari si può aver bisogno di ridurre la pressione sulle spalle e sui fianchi con un sacco di supporto per la testa e i piedi.

Benefici per la salute

Il sonno laterale ha alcuni interessanti benefici per la salute. Durante il giorno, il tuo cervello crea proteine ​​di scarto. Queste proteine ​​accumulano e ostruiscono i piccoli spazi interstiziali nel cervello. Durante il sonno, il sistema glinfatico rimuove questi scarti ​tossici. Il processo di pulizia fa restringere le cellule cerebrali, il che apre quei piccoli spazi in modo che il liquido spinale possa defluire. Questo sistema funziona 24 ore al giorno, ma è attivo per il 90% in più mentre dormi.

Uno studio del 2015 ha scoperto che la posizione di sonno laterale aumenta l’efficienza e l’attività del sistema glinfatico. I ricercatori hanno utilizzato immagini MRI per visualizzare ciò che accade in diverse posizioni del sonno. Il risultato è che, delle tre posizioni principali, quella laterale ha avuto il maggiore impatto sulla pulizia del cervello. Gli scienziati ritengono che un rallentamento in questo processo di pulizia potrebbe contribuire alla malattia di Alzheimer. Pertanto, una posizione del sonno che consente a questo processo di funzionare liberamente è la cosa migliore per la salute del cervello.

Anche la posizione supina o prona può causare disturbi del sonno. L’apnea notturna, in particolare l’apnea ostruttiva del sonno, è un disturbo del sonno in cui la respirazione si ferma periodicamente durante la notte. Le persone con questa condizione smettono di respirare centinaia di volte durante il loro ciclo del sonno, il che provoca un calo dei livelli di ossigeno. Questi episodi di apnea li inducono anche a svegliarsi brevemente più volte durante la notte. Se hai l’apnea notturna, potresti rimanere a letto per nove ore, ma svegliarti ancora esausto.

Il russare pesante è un sintomo comune dell’apnea notturna e dormire sul lato può aiutare. Migliora i livelli di ossigeno perché riduce gli episodi di respirazione correlati all’apnea notturna. In uno studio condotto su traversine in sovrappeso, è stato scoperto che il sonno laterale ha migliorato i livelli di ossigeno del 6-7 %. I benefici sono diminuiti più pesante è il sonno, ma ha comunque fatto una differenza significativa nella loro salute del sonno.

Abitua il tuo corpo a dormire

Se dormire sul tuo fianco non è la tua posizione preferita, presta attenzione. Da bambini trascorriamo quasi lo stesso tempo tra le tre posizioni per dormire. Negli anni dell’adolescenza, la posizione laterale inizia a prendere il comando. All’età di 45 anni, la maggior parte delle persone preferisce dormire sul lato rispetto a qualsiasi altra posizione del sonno.

Puoi allenare il tuo corpo a dormire in modo diverso. Usare dei cuscini è il modo più semplice per apportare il cambiamento. I cuscini posizionati dietro la schiena possono aiutarti a rimanere sul lato destro. Puoi anche provare a dormire su un divano o in un divano letto, dove uno schienale sostiene la schiena e ti mantiene nella posizione giusta, per qualche notte. Tieni presente che le tue preferenze di posizione possono cambiare nel tempo. Potrebbe essere necessario rivisitare il tuo allenamento dopo alcuni mesi o anni.

Con l’avanzare dell’età, i benefici del sonno nella parte destra aumentano. Dolori e condizioni mediche hanno un’influenza maggiore sul comfort notturno. L’età riduce il numero di volte che si cambia posizione. Pertanto, hai maggiori probabilità di finire nella posizione in cui hai iniziato. Questa è una buona cosa per la salute del tuo cuore.

Gravidanza: la migliore posizione per dormire

Secondo i più recenti studi in materia, la scelta di dormire sul fianco destro o sinistro, influisce anche sulla salute delle donne in gravidanza. Quella di dormire sul fianco destro, infatti, sarebbe un’abitudine sconsigliata anche per le mamme in dolce attesa. I benefici offerti dal riposo sul fianco sinistro del corpo per le donne in gravidanza sono stati sottolineati ancora una volta dalla medicina Ayurveda, ma anche dagli studi condotti dalla fondazione medica “Nemours Foundation”. Quali sono quindi i benefici di dormire sul fianco sinistro durante la gravidanza?

Questa posizione è ancora una volta benefica per quando riguarda la circolazione del sangue. Se si scegliere di dormire sul fianco sinistro, infatti, l’utero non provocherà pressione sul fegato, portando quindi numerosi benefici sia per la salute della mamma che del feto. Il flusso del sangue verso l’utero sarà inoltre facilitato, favorendo quindi il trasposto di nutrienti al feto. La pressione sarà alleggerita anche per quanto riguarda i reni e l’intestino, diminuendo notevolmente i dolori alla schiena e alle gambe, disturbi tipici delle donne in avanzato stato di gravidanza. Diminuendo la pressione sullo stomaco, inoltre, verrà attenuato anche il senso di nausea.