Dormi a pancia in giù? ecco i rischi che si corri

95

Uno dei segreti per mantersi in forma e affrontare al meglio la giornata è un buon riposo. La qualità del sonno incide, infatti, su tutte le altre attività quotidiane oltre che sulla nostra salute. Anche la posizione che assumiamo durante la notte è fondamentale per prevenire alcuni disturbi e molti esperti concordano sul fatto che riposare sulla schiena sia altamente raccomandabile. Brutte notizie dunque per chi ama dormire a pancia in giù: questa posizione, a lungo andare, potrebbe causare problemi affatto trascurabili.

Uno dei motivi che dovrebbero scoraggiare a riposare così risiede nell’innaturale modo cui si è costretti a poggiare la testa sul cuscino. Chi è solito dormire a pancia in giù, infatti, è portato a voltare il capo da un lato, allungando eccessivamente il collo. Ma attenzione: questa posizione potrebbe causare problemi alla colonna vertebrale.

Il suggerimento degli esperti per migliorare il riposo e rendere il momento che dedichiamo al sonno davvero rigenerante è quello di dormire sulla schiena, o al massimo su un fianco.

Ma per garantirci davvero un buon sonno e fare dolci sogni senza il rischio di accusare spiacevoli doloretti e fastidi al risveglio, occorrono anche un confortevole cuscino – preferibilmente non troppo alto o uno di quelli modellabili – e un materasso di qualità.

Nonostante le raccomandazioni degli esperti, qualcuno potrebbe essere ancora tentato a non rinunciare alla sua amata posizione, preferendo continuare a dormire a pancia in giù. In questo caso, però, sarebbe opportuno seguire almeno il consiglio di Theresa Marko, specialista clinica nella terapia fisica ortopedica.

L’esperta spiega che per ridurre il rischio di dolori o danni alla colonna vertebrale, si potrebbe posizionare un cuscino sotto il ginocchio sul lato verso cui si volta la testa. Un espediente, assicura Marko, che aiuterà il corpo a inclinarsi su un lato, allentando così la tensione che questa posizione imprime sul collo.