Covid, fiammata di contagi: nuova variante francese? Cosa sappiamo

44

L’evoluzione della pandemia di coronavirus nel mondo continua a tenere in apprensione. In alcune zone della Francia si sono registrate recentemente “fiammate” locali di contagi, che alimentano l’ipotesi di una nuova variante del Covid-19 al momento ancora sconosciuta, più contagiosa di quelle osservate fino a oggi nel Paese.

Come riporta ‘Ansa’, nell’ospedale di Compiègne, nel nord di Parigi, sono risultati 160 i pazienti contagiati, ma la variante inglese, inizialmente sospettata, è stata esclusa dalle analisi. Un fenomeno analogo si è verificato anche nel Sud-Ovest, nel centro e nell’Est, dove in diversi ospedali si è registrata una media di casi Covid molto più alta di quella nazionale.

La direttrice dell’ospedale di Compiègne, Catherine Latger, ha dichiarato a ‘Radio Europe 1’ che “la variante inglese non è stata individuata” nelle analisi dei contagiati. E ha aggiunto: “Abbiamo chiesto nuove analisi per verificare la presenza di nuove varianti non identificate”.

Intanto, la Francia ha annunciato che, a partire da domenica a mezzanotte, tutti i viaggiatori all’interno dell’Unione europea dovranno possedere, prima della partenza per il Paese transalpino, il certificato di un tampone molecolare negativo effettuato 72 ore prima della partenza. Il test sarà obbligatorio per “tutti i viaggi non essenziali”. Restano esentati dall’obbligo i lavoratori transfrontalieri e quelli del trasporto via terra.