Covid: la doppia mascherina serve davvero? ecco cosa dice la scienza

1855

Anthony Fauci è stato rinominato consigliere della Casa Bianca per l’emergenza coronavirus da Joe Biden. L’immunologo ha dichiarato che utilizzare una doppia mascherina “probabilmente aiuta” a difendersi dalle varianti del coronavirus. “È semplicemente logico che sarebbe più efficace”, ha ribadito l’esperto in tv. Il Corriere della Sera ha verificato insieme a Giorgio Buonanno l’utilità di questa pratica, che spesso prevede l’uso di una mascherina chirurgica o Ffp2 con sopra una fatta di stoffa.

Perché utilizzare una doppia mascherina aiuta a prevenire il Covid

Secondo Buonanno, professore ordinario di Fisica tecnica ambientale dell’Università degli Studi di Cassino e docente delle Queensland University of Technology di Brisbane, in Australia, “il doppio mascheramento può aiutare a colmare eventuali spazi vuoti“.

Infatti “la protezione data dalle mascherine è completa se le mascherine assolvono ai requisiti di filtrazione e aderenza al volto“, ovvero la vestibilità. “Per bloccare le goccioline di grandi dimensioni l’aderenza perfetta non serve, ma le goccioline piccole”, ovvero gli aerosol, “sfuggono dai bordi”.

Covid, perché e come la mascherina deve sigillare il viso

“La mascherina deve sigillare il viso. Ecco allora che può essere una buona idea provvedere alla capacità filtrante con una mascherina chirurgica o Ffp2 e all’aderenza al volto con una mascherina di stoffa messa sopra . Se si riesce ad aggiungere un tessuto che in qualche modo fa aderire meglio le mascherine, si raggiunge una protezione che arriva anche al 90%“, ha spiegato l’esperto al Corriere della Sera.

Sono molti infatti i fattori che determinano l’efficacia dell’utilizzo della mascherina. Come la presenza di barba, la forma e la dimensione del viso e delle mascherine stesse, l’uso degli occhiali. Qualsiasi soluzione che può rendere più ermetica la mascherina può aiutare a prevenire la diffusione del coronavirus e delle sue varianti. Lo ha dimostrato, riporta il Corriere della Sera, anche uno studio della rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences – Pnas, che ha concluso che le mascherine sono tanto più efficaci “quando la conformità, ovvero l’aderenza di massa, è alta”.