Covid: medico muore il giorno dopo il vaccino, disposta l’autopsia

1218

Il dottor Enrico Patuzzo, medico 64enne dell’Asst Carlo Poma di Mantova, è morto il giorno dopo essersi sottoposto al vaccino anti Covid. Per fare chiarezza su possibili, ma remote, correlazioni tra il decesso e l’inoculazione del farmaco, l’azienda sanitaria ha disposto l’autopsia, prevista per il 15 gennaio. L’uomo è venuto a mancare nella sua casa di Porto Mantovano nella mattinata di giovedì 14 gennaio. Aveva aderito alla campagna vaccinale il giorno precedente. Ne dà notizia il Corriere della Sera.

L’Asst ha diffuso un comunicato stampa sulla vicenda. “Il professionista purtroppo soffriva di patologie croniche e si era sottoposto, anche a tutela delle proprie condizioni di salute, alla vaccinazione anti Covid. Pur in presenza di una situazione estremamente indicativa di un evento improvviso legato a condizioni preesistenti, al fine di chiarire anche ogni più piccolo dubbio, si è disposto di attivare tutti gli accertamenti necessari per confermare l’assenza di qualsiasi nesso tra la vaccinazione e il triste evento occorso”.

L’azienda sanitaria ha riferito quanto accaduto durante questa fase di somministrazione del vaccino “sia agli organismi di governo regionali che alle autorità di regolazione tecnico scientifica con le quali sarà avviata ogni necessaria collaborazione”.

L’arresto cardiaco si sarebbe verificato insomma per cause non correlate al vaccino. E la notizia riportata dal Corriere della Sera non dovrebbe spaventare chi si dovrà sottoporre al vaccino, così come non deve spaventare la possibilità di risultare positivi anche dopo la prima dose del farmaco.

Il dottor Enrico Patuzzo era sposato ed era padre di due figli. Per molto tempo aveva lavorato nel reparto di Chirurgia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, e successivamente era stato trasferito, a causa dei seri problemi al cuore, nel piccolo nosocomio Destra Secchia di Pieve di Coriano. La sua scomparsa, riporta il Corriere della Sera, ha suscitato un vasto cordoglio.