Covid, scoprire le varianti velocemente si può: ecco come

38

Le mutazioni del coronavirus preoccupano il mondo, dato che lo possono rendere più contagioso o più sfuggente al sistema immunitario umano, aprendo la strada alla reinfezioni o all’inefficacia del vaccino. A breve però si potrà identificare rapidamente le nuove varianti del Sars-CoV-2 grazie ad un nuovo kit diagnostico in fase di sviluppo.

Gli attuali strumenti per sequenziare il materiale genetico e identificare le mutazioni del virus richiedono strumenti i cui tempi e i costi non sono compatibili con una pandemia. Il sequenziamento genetico infatti richiede almeno una giornata con un presso tra i 100 e i 200 euro. Per fine febbraio potrebbe essere disponibile il nuovo kit che permetterà di abbattere tempi e costi di questo processo, fondamentale per tracciare le varianti del coronavirus, tanto da essere stato richiesto espressamente dall’Oms a tutti i Paesi.

Francesco Broccolo, virologo dell’Università di Milano Bicocca e direttore del laboratorio Cerba di Milano ha spiegato all’Ansa in cosa consiste il nuovo kit: “Questo metodo permetterà di fare test con un costo 5-10 inferiore in sole due ore circa utilizzando nella maggior parte dei casi la stessa strumentazione che i laboratori utilizzano attualmente per i tamponi molecolari mediante Pcr”, cioè la tecnica della Reazione a catena della polimerasi (Pcr).

Con la scoperta di nuove varianti del coronavirus, l’ultima in Germania, l’Organizzazione mondiale della Sanità ritiene necessario un programma nazionale di sequenziamento. “Attualmente l’Italia è presente con poche sequenze virali. Sarebbe non solo opportuno, ma direi fondamentale creare nel nostro Paese un’organizzazione per generare dati”, ha osservato il genetista Massimo Zollo, docente dell’Università Federico II di Napoli e coordinatore della Task Force Covid19 del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli.
“Abbiamo bisogno di energie perché sequenziare ed analizzare il genoma di Sars-CoV-2 e identificare la classe a cui appartiene non è assolutamente banale”, ha aggiunto.