Crisi di governo, Conte da Mattarella: cosa si sono detti

186

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato ricevuto al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per un incontro interlocutorio. Lo apprende l’Ansa da fonti di maggioranza.

L’incontro tra Conte e Mattarella

Il capo dello Stato ha invitato a “uscire al più presto dallo stato di incertezza” nel corso del suo breve incontro con il premier Conte. L’urgenza è dettata dalla necessità di risolvere al più presto i disordini all’interno della maggioranza per far fronte alla pandemia.

Il premier Conte, all’uscita dal Quirinale, ha spiegato ai cronisti il motivo dell’incontro: “Ho chiesto io il colloquio a Mattarella”. In merito alla crisi preannunciata nelle scorse ore, Conte ha sottolineato che “non sarebbe compresa dal Paese. Il governo può andare avanti solo col sostegno di tutte le forze di maggioranza“.

Come riporta Sky TG24, fuori Palazzo Chigi il premier ha assicurato che lavorerà “fino all’ultima ora per rafforzare la coalizione. L’interesse dei cittadini viene prima di tutto”. Poi ha precisato di non avere intenzione di dimettersi qualora venga meno il sostegno delle ministre di Italia Viva.

In merito alla caccia ai responsabili, Conte ha affermato di aver “sempre detto che ci vuole una maggioranza solida per portare avanti l’azione del governo”.

Intanto l’Adnkronos riporta altre voci di governo che parlerebbero di uno spiraglio aperto tra il premier Giuseppe Conte e il leader di Italia Viva Matteo Renzi per uscire dalla crisi di governo. Grazie al lavoro dei pontieri che si stanno dedicando a risolvere le tensioni, la fine della crisi sembrerebbe possibile.

Crisi di governo, la conferenza stampa di Renzi

Si attende la conferenza stampa indetta per le 17.30 alla Camera dei Deputati da Italia Viva, nella quale il senatore Matteo Renzi dichiarerà se ritirare o meno le ministre del suo partito dal governo, e se quindi metterà in difficoltà la maggioranza.

La voce di un incontro in agenda tra Conte e Renzi non ha trovato conferme da Palazzo Chigi e inoltre esponenti di Iv smentiscono le indiscrezioni sulla riappacificazione.

Si sono scordati di avvisarci“, così avrebbe detto secondo quanto riportato dal Corriere il diretto interessato Matteo Renzi a proposito di quanto fatto trapelare da fonti di governo su uno spiraglio. “Lo ha detto Casalino”, è la battuta secca che arriva da Italia viva. Sollecitato da ogni parte, l’ex premier si mostrerebbe infatti fermo sulle sue posizioni e assicura nessun ripensamento.

“Abbiamo la crisi economica più pesante in Europa, il numero di morti più alto rispetto alla popolazione e i ragazzi a casa da 10 mesi. Abbiamo i cantieri da sbloccare, il mes da investire, i soldi del Recovery da non sprecare. Di questo, da mesi chiediamo di discutere” ha detto Luciano Nobili di Iv.