Roberto Fico, svelate le mosse: il calendario delle consultazioni

69

Roberto Fico, dopo l’incarico di mandato esplorativo da parte del Capo dello Stato Sergio Mattarella, ha svelato le sue prossime mosse. Il presidente della Camera procederà a nuove consultazioni e ha reso noto il calendario degli incontri con i principali partiti politici.

Le consultazioni inizieranno oggi, sabato 30 gennaio, alle ore 16 con il Movimento 5 stelle. Dopo sarà la volta del Partito Democratico, intorno alle 17.20, fino ad arrivare agli incontri delle 18.40 con Italia Viva. La conclusione delle consultazioni per la giornata di oggi è prevista per le 20 con Liberi e Uguali.

Consultazioni, il calendario degli incontri di sabato 30 gennaio

Ore 16.00 – Gruppi Parlamentari “Movimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Ore 17.20 – Gruppi Parlamentari “Partito Democratico” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Ore 18.40 – Gruppi Parlamentari “Italia Viva – PSI” del Senato della Repubblica e “Italia Viva” della Camera dei deputati
Ore 20.00 – Gruppo Parlamentare “Liberi e Uguali” della Camera dei deputati.

Consultazioni, il calendario degli incontri di domenica 31 gennaio

Ore 10.00 – Gruppo parlamentare “Europeisti – MAIE – Centro Democratico” del Senato della Repubblica
Ore 11.20 – Gruppo Parlamentare “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato della Repubblica
Ore 12.40 – Gruppo Parlamentare Misto della Camera dei deputati limitatamente alle Componenti che fanno riferimento alla maggioranza: Centro Democratico- Italiani in Europa; Maie-Movimento associativo Italiani all’estero-Psi; Minoranze linguistiche
Ore 14.00 – Gruppo Parlamentare Misto del Senato della Repubblica.

Ieri il presidente della Repubblica Sergio Mattarella aveva affidato al presidente della Camera Roberto Fico un mandato per verificare se la maggioranza esista ancora e se si possa ricostruire un governo nuovo.

Uno degli interrogativi riguarda il prossimo premier: non è ancora chiaro se l’esecutivo sarà guidato da Giuseppe Conte e poi sarà necessario capire se si possano accorciare le distanze anche su un nuovo patto di legislatura, sul Mes, sulla scuola, sul Recovery fund e su tutti gli altri temi che hanno sgretolato la maggioranza negli scorsi mesi.