Uncaria tormentosa, la corteccia pro-difese immunitarie

40

L’Uncaria Tomentosa è una pianta rampicante appartenente alla famiglia delle Rubiaceae. È originaria del continente sudamericano, in particolare abita le foreste di Perù, Colombia e Brasile; può raggiungere una altezza di 3-5 m e possiede vivaci fiori gialli a forma di calice. Il suo curioso nome deriva da due peculiarità delle foglie che presentano una lanugine (tomentosa) sulla superficie, mentre alla base sviluppano delle protuberanze a forma di uncino (da cui il nome uncaria) utilizzate per aggrapparsi alle altre piante e raggiungere le zone luminose. Nota ai curanderos peruviani per curare ferite, ulcerazioni, dolori, infiammazioni e disturbi legati al puerperio, l’Uncaria è oggi considerata un rimedio fitoterapico immunostimulante efficace per contrastare le malattie da raffreddamento, gli stati infiammatori che causano dolore alle ossa, ai muscoli e alle articolazioni o alterazione della flora batterica e ritenzione di liquidi. Vediamo più da vicino le sue proprietà e come beneficiarne.

Le proprietà principali della pianta sono immunomodulanti, anti-infiammatorie e antidolorifiche. Gli alcaloidi pentaciclici sembrano essere i componenti che stimolano l’azione immunomodulante. In alcuni studi si osserva come l’Uncaria sia capace di potenziare in meno di tre giorni l’attività delle cellule NK e in circa tre settimane l’azione dei linfociti T citotossici. Questi ultimi agiscono riconoscendo e distruggendo le cellule colpite dai virus o degenerate per processi tumorali. Inoltre l’Uncaria incrementa l’attività dei globuli bianchi e la loro capacità di aggredire virus e batteri. Per queste caratteristiche la pianta stimola il sistema immunitario in caso di attacco virale e ne regola l’azione in caso di reazione infiammatoria eccessiva, responsabile di dolore osteoarticolare e muscolare. È infine diuretica e, per la presenza di antocianine, sostanze appartenenti alla classe dei polifenoli, determina un’azione antiossidante capace di rallentare l’invecchiamento cellulare. Migliora così le attività dell’intero organismo prevenendo la comparsa di malattie degenerative. L’azione fitoterapica di Uncaria Tomentosa è quindi benefica per:

  • Prevenire e combattere influenza e malattie da raffreddamento
  • Riequilibrare la flora batterica, risolvendo sintomi come meteorismo e gonfiore
  • Eliminare tossine e liquidi in eccesso, contro ritenzione idrica e cellulite, contrastare reumatismi, artrosi, stati infiammatori, dolori muscolari e osteoarticolari
  • Ottenere un effetto antidolorifico e anti-infiammatorio in caso di artrite reumatoide

La corteccia, in particolare, è la parte della pianta con la più alta concentrazione di sostanze benefiche, che le conferiscono anche proprietà antivirali ed antimutagene. Per questo è indicata soprattutto in caso di herpes, varicella zoster, reumatismi, artrite, artrosi, dolori osteoarticolari e muscolari, cistite e prostatite. Per sfruttare al massimo le proprietà benefiche dell’uncaria è preferibile usare gli estratti derivati da tutte le sue parti aeree e radicolari.

Nonostante non siano stati riscontrati, ad oggi, effetti collaterali e controindicazioni, sono possibili reazioni allergiche in caso di ipersensibilità, motivo per il quale l’assunzione è sconsigliata in gravidanza, durante l’allattamento e nella fase post-operatoria.
Noi, come sempre, vi invitiamo a chiedere consiglio al vostro medico curante.