Brescia, cadono nel vuoto davanti alla figlia: la ricostruzione

48

Tragedia in montagna, dove due coniugi di Milano hanno perso la vita davanti alla loro piccola, facendo una caduta da più di 200 metri. Valeria Coletta, 35 anni, e Fabrizio Marchi, 40, avevano deciso di seguire un percorso sul Monte Pora, ad Angolo Terme, tra le province di Brescia e Bergamo. Una camminata adatta alle famiglie e ai trekker meno esperti, che avevano già fatto a ottobre e poco prima di Natale. Anche in quelle occasioni, riporta il Corriere della Sera, in compagnia della loro bambina di 5 anni e di una coppia di amici. Questa volta però il sentiero era ghiacchiato, e la donna è scivolata. Il marito istintivamente ha provato ad afferrarla, scivolando anche lui giù per il dirupo.

L’incidente è avvenuto davanti agli occhi della figlia. Subito gli amici della coppia hanno chiamato il 112. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e diverse squadre del Soccorso Alpino. Il corpo della donna è stato recuperato 200 metri più a valle, quello del compagno ancora più in basso, in fondo al burrone.

I Carabinieri della compagnia di Breno hanno ascoltato la testimonianza della coppia che era in compagnia delle vittime, sotto choc dopo quello che gli investigatori hanno confermato essere stato un tragico incidente, come riporta il Corriere della Sera. La vicenda è avvenuta intorno alle 13 del 31 gennaio. Le vittime avrebbero dovuto fare rientro a Milano in serata, per prepararsi a tornare a lavoro, in una finanziaria lei e in una casa farmaceutica lui. La piccola è ora affidata ai nonni.

Erano evasi dalla città per alloggiare in un ostello della Val Seriana. La Presolana era diventata per la famiglia di Fabrizio e Valeria la meta preferita per evadere dal lockdown. Il luogo dove hanno perso la vita è noto, macabra coincidenza, come Salto degli sposi. La leggenda narra che nel 1871 il Maximilian Prihoda e la moglie Anna Stareat, un musicista e una pittrice, si sarebbero gettati insieme nel vuoto, abbracciati, come nella statua a loro dedicata nel belvedere.