Candida auris, i sintomi della nuova pandemia

154

La Candida auris è un virus molto contagioso e altrettanto letale per l’uomo, che gli scienziati Usa definiscono il “patogeno perfetto” per una nuova pandemia. In effetti se ne sta parlando approfonditamente, ma cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta, senza inutili toni sopra le righe.

Le strutture sanitarie di diversi Paesi hanno riferito che un tipo di lievito chiamato Candida auris ha causato gravi malattie in diversi pazienti ospedalizzati. In alcuni di loro, questo lievito può entrare nel flusso sanguigno e diffondersi in tutto il corpo, causando gravi infezioni invasive.

Come si trasmette la Candida auris

Si può diffondere nelle strutture sanitarie attraverso il contatto con superfici o apparecchiature ambientali contaminate, ma anche da persona a persona. È necessario ulteriore approfondimento, comunque, per capire meglio come si diffonde. Gli scienziati di tutto il mondo hanno avvertito che, alla luce della pandemia di Coronavirus, è giunto il momento che i centri sanitari e gli specialisti inizino a sviluppare e investire di più nella prevenzione e nel trattamento dei patogeni infettivi.

Ecco i sintomi della Candida auris

Ma quali tipi di infezioni può causare la Candida auris? In questi anni è stata in grado di causare infezioni del flusso sanguigno, della ferite e dell’orecchio. È stata anche isolata da campioni respiratori e urinari, ma non è chiaro se provochi infezioni ai polmoni o alla vescica.

Candida auris, come avviene la diagnosi

Come altre infezioni da Candida, anche questa viene generalmente diagnosticata mediante coltura di sangue o altri fluidi corporei.

Tuttavia, la Candida auris è più difficile da identificare dalle culture rispetto ad altri tipi più comuni di Candida. Ad esempio, può essere confusa con altri tipi di lieviti, in particolare la Candida haemulonii. Sono necessari esami di laboratorio specifici per identificarla.

Chi è a rischio di infezione

Posto che sono state riscontrate infezioni in pazienti di tutte le età, dai neonati pretermine agli anziani e che sono necessari ulteriori studi per saperne di più sui fattori di rischio, le persone che hanno recentemente trascorso del tempo in case di cura e hanno tubi collegati al loro corpo (come tubi di respirazione, tubi di alimentazione e cateteri venosi centrali), sembrano essere a più alto rischio di infezione da Candida auris.

Dati limitati suggeriscono che i fattori di rischio per le infezioni da Candida auris sono generalmente simili ai fattori di rischio per altri tipi di infezioni da Candida. Questi fattori di rischio includono interventi chirurgici recenti, diabete, antibiotici ad ampio spettro e uso di anti-funghi.