Festival di Sanremo 2021 e Covid: la decisione definitiva del Cts

31

Il Comitato Tecnico Scientifico ha dato il suo via libera allo svolgimento del Festival di Sanremo 2021, in programma al Teatro Ariston dal 2 al 6 marzo 2021. Gli esperti, secondo quanto appreso da ‘Ansa’, hanno approvato il protocollo presentato dalla Rai, che prevede lo svolgimento dell’evento senza spettatori e diverse misure riorganizzative del teatro Ariston al fine di ridurre le possibilità di contagio.

Il protocollo Rai per Sanremo 2021

In 75 pagine, la Rai ha messo nero su bianco le regole per blindare il Teatro Ariston in vista di Sanremo 2021.

Tra i vari accorgimenti, come illustrato da ‘Ansa’, spiccano planimetrie dettagliate; accessi e percorsi diversificati per cast, artisti, orchestrali; regole stringenti per prove ed esibizioni con ‘tetti’ di affollamento per ogni area; tamponi ogni 72 ore per tutti coloro che entrano al Teatro Ariston; obbligo assoluto, fatta eccezione per conduttori, cast ed eventuali ospiti in video durante la diretta, di indossare la mascherina Ffp2 e di rispettare le consuete norme di distanziamento e igiene; sanificazione di microfoni di cantanti e coristi e di tutti gli oggetti di scena.

Il protocollo della Rai per Sanremo 2021 disciplina in maniera precisa anche le prove e le dirette: Amadeus, Fiorello, le co-conduttrici, il cast e i cantanti in gara non saranno presenti contemporaneamente sul palco, entreranno singolarmente e, dal camerino al backstage, potranno indossare la mascherina chirurgica per evitare di danneggiare il trucco.

Durante le serate, senza mascherina, dovranno mantenere una distanza di 1,5 metri tra loro e di 2 metri dal resto del personale. Sono previsti distanziamenti minimi anche per i gruppi in gara e per i 60 orchestrali, ognuno dei quali avrà un camerino dedicato al piano Roof.

I musicisti potranno togliere la Ffp2 solo quando saranno in postazione; nelle buche ci saranno distanze minime e barriere in policarbonato per separare la zona coro dai fiati e i fiati dagli archi.

Complessivamente, durante lo show, sull’area palco di 345 metri quadrati non ci potranno essere più di 70 persone, nelle buche dell’orchestra (380 mq) 60, nell’area della platea (400 mq) 40 tra personale e addetti alla vigilanza.

Ospiti e cantanti dovranno arrivare già vestiti per l’esibizione. In galleria troveranno posto, in prima fila, al massimo 20 fotografi.

Se qualcuno presenta i sintomi del Covid-19, verrà immediatamente messo in isolamento e sottoposto agli approfondimenti diagnostici di rito. Se un artista risulterà positivo, andrà in quarantena con tutto l’entourage. Sempre stando al protocollo Rai, la consegna dei fiori e dei premi, inclusi quelli finali, potrà essere effettuata tramite un carrello di scena opportunamente realizzato e igienizzato dopo ogni uso.