Frutta a colazione, quale scegliere per depurarsi

949

La colazione è uno dei pasti più importanti della giornata perché normalmente al risveglio ci troviamo a digiuno da sette-otto ore ; abbiamo poche energie e per questo occorre fare subito rifornimento per evitare di rimanere a corto di zuccheri nel sangue e andare incontro ad ipoglicemia, sonnolenza e difficoltà di concentrazione ed innescare un vero e proprio circolo vizioso: chi non fa colazione al mattino è portato a mangiare molto di più nel corso della giornata, con il rischio di eccedere e di ingrassare.

La frutta, a colazione può esserci di grande aiuto soprattutto per combattere l’affaticamento mentale e quello fisico: soltanto alcune tipologie di frutta, tuttavia, sono in grado di svolgere una efficace azione detox grazie ai loro nutrienti e alle proprietà caratteristiche.

A colazione ottime sono le pere, che forniscono un massiccio apporto di fibre e favoriscono l’eliminazione delle tossine; grazie al buon livello di potassio, le pere contribuiscono a depurare l’organismo e ripuliscono il colon.

L’arancia rossa è un’altra tipologia di frutta estremamente adatta da consumare a colazione: l’elevato contenuto di vitamina C e di carotene agisce come antinfiammatorio e aiuta nel drenaggio dei liquidi.

Anche l’ananas è nostro alleato perché la digestione sia rapida e efficace: la bromelina, infatti, è l’enzima che facilita i processi di assimilazione; inoltre le fibre presenti nell’ananas contrastano la lentezza intestinale che provoca pesantezza e gonfiore.

Il kiwi è ancor più efficace nel contrastare stipsi e intestino pigro: se abbinato allo yogurt bianco la sua azione lassativa risulta ancor più forte. Ricco di vitamina A, C ed E il kiwi svolge anche una potente azione antiossidante per il fegato.

Infine i mirtilli sono consigliatissimi per depurarsi a partire dalla colazione: i polifenoli presenti nelle bacche, rosse o nere che siano, aiutano il fegato a funzionare meglio; i flavonoidi invece incidono positivamente sulla circolazione sanguigna mentre l’intestino è stimolato dalle fibre.