Grillo cita Platone dopo le consultazioni: ecco a chi si rivolge

167

“Non conosco una via infallibile per il successo, ma una per l’insuccesso sicuro: voler accontentare tutti”. Così Beppe Grillo su Facebook al termine delle consultazioni con Mario Draghi. Una frase attribuita dal comico a Platone, anche se ci sono dubbi sulla paternità della massima al filosofo greco. Ma poco importa, perché il fatto che la frase sia stata detta o scritta da Platone o meno non sposta di una virgola il tema ‘politico’ in discussione. In tanti in queste ore stanno cercando di decifrare l’intervento del garante dei pentastellati, chiedendosi a chi sia rivolto.

Va per la maggiore il pensiero che ritiene che Grillo abbia lanciato un messaggio ‘interno’ al M5s, che in questi giorni rischia una scissione: da un lato i governisti, dall’altro gli ortodossi, capeggiati dal vulcanico Alessandro Di Battista, che non vede assolutamente di buon occhio un sostegno all’ex numero uno della Bce.

Grillo ha fatto intendere a chiare lettere che il Movimento sosterrà l’esecutivo a trazione Mario Draghi, nonostante le differenze di vedute presenti nel M5s. Proprio per questo il suo intervento ‘platonico’ è stato letto dai più come un messaggio al variegato universo pentastellato.

C’è però chi ha avanzato un’altra ipotesi: cioè che Grillo abbia voluto mettere un po’ di pressione a Draghi in merito all’esecutivo che va prospettandosi. Altrimenti detto c’è chi considera la citazione del comico genovese una sorta di ammonimento al premier incaricato; ammonimento che lo metterebbe in guardia dal non allargare troppo le ‘intese’. Sulla vicenda, come riporta l’AdnKronos, è stato interpellato anche Salvini. “La citazione di Grillo su Platone? Non commento, è troppo profonda”, ha dichiarato il leader della Lega.