Sanremo 2021, polemiche per la Palombelli: la dura replica di Amadeus

27

Ogni anno, quasi fosse un appuntamento fisso, il Festival di Sanremo si tinge di una nuova polemica. Quest’anno il polverone si è alzato su Barbara Palombelli, giornalista Mediaset, a cui sarà affidata la co-conduzione della quarta serata; una scelta che non è piaciuta ai giornalisti Rai.

Le polemiche in casa Rai

Vittorio Di Trapani, segretario dell’Unione Sindacale Giornalisti Rai, ha scritto su Twitter: “Barbara Palombelli conduttrice di Sanremo per una sera. Ennesimo atto di disprezzo nei confronti delle giornaliste della Rai. Un programma Mediaset ogni sera attacca la Rai e i suoi dipendenti, e la Rai che fa? Chiede a una giornalista Mediaset di condurre il Festival”.

La polemica si è consumata a colpi di tweet, con la risposta di Riccardo Laganà, consigliere d’amministrazione alla Rai: “Tra le professioniste dell’informazione del Servizio Pubblico, quest’anno, non ne abbiamo trovate altre ugualmente meritevoli. A questo punto mi aspetto la premiazione dei Telegatti su Rai1. Ovviamente in appalto totale”.

A lui si è unita anche la collega Rita Borioni, che su Facebook ha commentato: “Botteri, Sciarelli, Bortone, Giandotti non andavano bene? Evidentemente le giornaliste Rai non sono all’altezza secondo i vertici della Rai”.

I precedenti incontri tra Mediaset e Rai sul palco dell’Ariston

Non è certo una novità, per il Festival della canzone italiana per eccellenza, quella di prendere in prestito figure di rilievo provenienti da altri ambienti televisivi: per fare qualche esempio, Paolo Bonolis ha condotto lo show per due volte, nel 2005 e nel 2009, e anche Maria De Filippi, volto storico di Mediaset, ha condotto il festival nel 2017 accanto a Carlo Conti.

Il Festival di Sanremo è infatti uno dei pochissimi appuntamenti annuali seguiti dalla quasi totalità degli italiani, davanti al quale anche le altre reti si fanno da parte: uno show che in qualche modo ha sempre voluto sottolineare il concetto di “italianità” e di “unità nazionale”, essenziale – mai come quest’anno – anche per lo stesso neo-governo Draghi per il quale “l’unità non è un’opzione ma un dovere“.

La replica di Amadeus

Ed è proprio in chiave unitarista che Amadeus deve aver scelto la giornalista: “Sono felice di avere con me sul palco dell’Ariston Barbara Palombelli – ha detto il direttore artistico – per la quarta serata del Festival di Sanremo 2021. Nel mosaico femminile non poteva mancare una donna dal lungo curriculum”.

“Lo scorso anno abbiamo puntato sull’unione di mondi differenti, ha funzionato e speriamo di replicare anche quest’anno stupendo il pubblico con Barbara e con tutte le altre donne che saranno con me al Festival. E chissà, magari c’è ancora tempo per qualche sorpresa“, ha concluso Amadeus.