Vaccini Covid, effetti “eccezionali” sui ricoveri: lo studio

49

Un nuovo studio condotto dalla Public Health Scotland, la sanità pubblica scozzese, ha rilevato gli effetti dei vaccini di Pfizer e AstraZeneca sui ricoveri in ospedale per Covid-19. Lo studio, a cui fa riferimento un articolo della BBC, osserva i primi effetti della vaccinazione sulla popolazione del Regno Unito, che gli esperti hanno definito “incoraggianti”.

Gli effetti della prima dose di Pfizer e AstraZeneca sui ricoveri

Secondo quanto osservato dallo studio scozzese, i ricoveri ospedalieri si sono ridotti dell’85% per il vaccino di Pfizer e del 94% per quello di AstraZeneca. Le osservazioni sono state condotte sulle persone che hanno ricevuto la prima dose in Scozia tra l’8 dicembre e il 15 febbraio, vale a dire 1,14 milioni di vaccinazioni.

Nel Regno Unito, la decisione di ritardare la somministrazione della seconda dose di vaccino a tre mesi, per permettere una maggiore copertura e raggiungere più persone con la prima dose, aveva destato qualche perplessità tra gli esperti; ma i dati di questo primo studio dimostrano che gli effetti della prima dose sui ricoveri sono già significativi, in quanto si è dimostrata in grado di impedire l’aggravarsi della malattia.

Il ricercatore Aziz Sheikh: “Risultati incoraggianti”

Lo studio ha però dei limiti, in quanto ha monitorato soltanto i pazienti che sono stati ricoverati, e se avevano ricevuto una dose di vaccino o meno. Inoltre, i ricercatori non hanno tenuto conto dell’impatto sulla trasmissione, se le persone vaccinate hanno trasmesso il virus o la durata dell’immunità.

Nel dettaglio, lo studio si è soffermato sui ricoveri in ospedale per Covid, concentrandosi sulle persone che avevano ricevuto la prima dose di vaccino. È stato osservato che tra le 8.000 persone finite in ospedale, soltanto 58 erano state vaccinate.

Il ricercatore Aziz Sheikh, come riporta la BBC, ha dichiarato: “Questi risultati sono molto incoraggianti e ci hanno dato ottimi motivi per essere ottimisti per il futuro”, sottolineando che entrambi i vaccini hanno funzionato “in modo spettacolare”.