A colazione accelera il tuo metabolismo con questo ingrediente

169

C’è chi prende un caffè al volo prima di correre al lavoro e chi invece alla colazione dedica tutto il tempo del mondo. I nutrizionisti consigliano compatti di non saltare mai la colazione e di mangiare in modo appropriato. Per velocizzare il metabolismo, fare il pieno di energia e evitare l’accumulo di grassi inutili, a colazione non devono mancare i macronutrienti ovvero proteine, carboidrati, grassi sani, fibre, vitamine e minerali che combinati insieme vanno a riempire i depositi di energia che nella notte si sono svuotati.

Il più importante di tutti è rappresentato dalle fibre che trasformano in breve le calorie in energia. Un esempio di colazione perfetta è porridge di avena con latte di soia scremato con una manciata di bacche e semi, oppure crusca con yogurt greco magro, una prugna tritata e cannella e ancora un uovo in camicia su pane tostato integrale con mezzo avocado e pomodorini.

Chi fa colazione solo con un caffè ingrassa di 2-3 chili l’anno

Una recente ricerca americana dell’Università del Minnesota condotta su un campione di 2000 persone in età attiva e tenute sotto osservazione per 5 anni, è giunta alla conclusione che il gruppo dei rinunciatari della prima colazione (il 25% del campione, tra cui soprattutto ragazze che speravano così di non ingrassare) di fatto alla fine dell’esperimento ha visto uno spostamento verso l’alto dell’ago della bilancia, calcolato in un aumento medio di 2-3 chili in più rispetto a coloro che invece hanno continuato o cominciato a fare una colazione abbondante. Questo perché mangiare dopo il risveglio, e quindi dopo un periodo di digiuno, fornisce all’organismo le energie necessarie per essere più attivo ed efficiente, cosa che invece non succede a chi affronta le incombenze della giornata con la pancia vuota; e inoltre, come già detto, la prima colazione stimola il metabolismo e fa sì che durante la mattina non si cada nella tentazione di colmare il “buco nello stomaco” con ogni genere di snack.

La buona colazione inizia con una spremuta

Una buona colazione può iniziare, con una spremuta di arance o di pompelmo o melagrana (basta tagliare il frutto a metà e spremerlo come fosse un’arancia), da preparare in casa con uno spremiagrumi. La spremuta non va filtrata, lasciando che nel bicchiere finisca anche parte della polpa che è ricca di fibre e quindi stimola il senso di sazietà e aiuta il lavoro dell’intestino. Vietato anche aggiungere lo zucchero, che neutralizza i principi attivi dei frutti: se la spremuta risulta troppo acida, basta stemperarla con un po’ di acqua.

Frutta fresca e yogurt, stipsi addio!

Prima di tutto, sarebbe buona norma introdurre lo yogurt al posto del latte (è più digeribile e non rischia di restare sullo stomaco), optando per quello naturale e non zuccherato, al quale aggiungere un mix di frutta di stagione tagliata al momento, preziosa per stimolare anche l’intestino più pigro. È importante poi non trascurare i carboidrati, che essendo una fonte di energia permettono di avere un buon rendimento nella prima fase della giornata. Allora, allo yogurt (o a un’alternativa vegetale senza zucchero aggiunto) si può abbinare un cucchiaio di fiocchi di riso, muesli o di cereali integrali, facendo attenzione a non esagerare con le dosi e resistendo alla tentazione di prendere le versioni più golose e arricchite con frutta secca o cioccolato. E non deve mancare qualche fruto oleoso, come noci o mandorle, fonte di grassi buoni, proteine vegetali, sali e vitamine.