Fresh apple juice close up shot

Prima di scoprire come fare l’aceto di mele in casa, al fine di ottenere un prodotto genuino e privo di solfati, ovvero i conservanti che possiamo trovare nelle bottiglie di aceto che  acquistiamo nella grande  distribuzione, può esser utile conoscere più da vicino, questo prodotto tanto amato in cucina, come condimento, ma  anche per l’ igiene della casa e perfino in cosmesi!

L’aceto di mele vanta diverse proprietà salutari, inclusi effetti antimicrobici e antiossidanti. Inoltre, alcuni recenti studi suggeriscono che può offrire benefici per la salute, come favorire la perdita di peso, ridurre il colesterolo, abbassare i livelli di zucchero nel sangue e migliorare i sintomi del diabete.

Gli ingredienti dell’aceto di mele fatto in casa

Ecco quali sono gli ingredienti necessari per preparare l’aceto di mele in casa, grazie alla fermentazione

  • 800 g di scarti o pezzi di mele biologiche mature;
  • 1 l di acqua;
  • 1 cucchiaino di zucchero;

NB Non usare mai oggetti in metallo per questa preparazione.

Come preparare l’aceto di mele in casa

Il primo passaggio per preparare l’aceto di mele in casa è posizionare gli scarti o i pezzi delle mele in un barattolo di vetro ampio e allungato. Dopodichè aggiungi l’acqua e il cucchiaino di zucchero.

Attenzione! Assicurati che i pezzi di frutta rimangano totalmente coperti dall’acqua, per evitare la formazione di muffe

Copri il barattolo con garza alimentare pulita e fermarlo con un elastico o un cordino, riponilo al riparo da fonti di luce e di calore. Ricordati di mescolare circa una volta a settimana.

Quando è pronto l’aceto di mele fatto in casa

Dopo un mese circa, quando le mele saranno tutte sul fondo, scolale e buttale nel compost o nell’umido.
Conserva il liquido coperto dalla garza alimentare al riparo per un altro mese e mezzo circa, durante il quale ti consigliamo di continuare a mescolarlo.  

Come conservare l’aceto di mele fatto in casa

Puoi regolare il grado di acidità dell’aceto di mele a seconda dei tuoi gusti e una volta pronto puoi travasarlo in una bottiglia con tappo a chiusura ermetica, così da fermare il processo di fermentazione, e conservarlo nel frigorifero, essendo privo di conservanti.

Perché conservare la madre dell’aceto

Ti consigliamo di conservare la madre dell’aceto, ovvero quella pellicola gelatinosa che si forma sulla sua superficie ed è costituita dai batteri acetici che innescano la fermentazione, ovvero l’ossidazione dell’etanolo in acido acetico. Ti sarà utile per velocizzare il processo quando rifarai l’aceto di mele in casa!