Problemi di memoria? Difficoltà a concentrarti? Prepara un infuso di rosmarino al giorno e la tua capacità di memorizzare informazioni potrebbe aumentare anche del 15%.

Acqua di rosmarino, un portento per la memoria:  in arrivo dall’universo salutista  l’acqua al rosmarino, come quella di No1, disponibile in brik o in bottiglietta.

I ricercatori della Northumbria University, nel Regno Unito, hanno chiesto ad un gruppo di partecipanti di bere 250ml di acqua Rosemary Water concentrata del brand, l’unica in commercio che combina gli estratti della pianta all’acqua minerale senza additivi. I partecipanti sono stati sottoposti a vari test per valutare le loro capacità di mantenere e manipolare informazioni, mentre il team di ricerca teneva sotto controllo il loro flusso sanguigno cerebrale e la quantità di energia impiegata in modo efficiente, rispetto ad un gruppo di controllo.

Secondo i risultati, il gruppo della Rosemary Water No1 aveva migliorato la sua performance mnemonica del 15%, e aumentato i livelli di globuli rossi deossigenati in flusso verso il cervello. Sarebbe proprio grazie a questa attività che il cervello dei partecipanti ha potuto utilizzare in modo più efficace l’energia richiesta per svolgere i suoi compiti.

«I nostri risultati indicano che, statisticamente, esistono dei miglioramenti a livello della memoria grazie all’ingestione dell’acqua di rosmarino di No1», ha dichiarato il leader dello studio Mark Moss. «Di fatto, direi che questi drink sono come una ricarica turbo per il cervello. Il rosmarino offre numerosi benefici per la nostra salute, dagli antiossidanti agli antimicrobici, dagli effetti epatoprotettivi all’attività antitumorale».La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Journal of Psychopharmacology.

Come preparare l’acqua di rosmarino

Per preparare l’acqua di rosmarino vi servirà semplicemente una tazza d’acqua calda (evitate di usare acqua bollente, poiché rischiereste di compromettere l’azione benefica della pianta) e un cucchiaio di foglie di rosmarino. Portate ad ebollizione l’acqua, quindi lasciatela raffreddare per 3-4 minuti. A questo punto, aggiungete le foglie di rosmarino e lasciate in infusione per cinque minuti, ed ecco che il vostro tè sarà pronto per essere consumato!

L’infuso al rosmarino

In alternativa, senza ricorrere all’idrolato, puoi semplicemente prepararti un infuso al rosmarino: fai bollire una tazza di acqua in un pentolino, aggiungi un cucchiaio di foglie essiccate di rosmarino, che puoi trovare in erboristeria o procurarti direttamente dalle tue piante sul balcone di casa. Lascia in infusione le foglie per 12 ore, filtra il tutto e goditi il tuo infuso. L’acqua aromatizzata al rosmarino non solo migliora la memoria, la concentrazione e le funzioni cognitive, ma favorisce anche il buonumore, riduce ansia e stress e contribuisce al buon funzionamento di tutto l’apparato cardiocircolatorio.

Respirare il rosmarino per rafforzare la memoria

Le proprietà del rosmarino erano note già agli antichi greci, infatti sembra che i giovani studenti sostenevano i propri esami con delle corone di rosmarino. La Northumbria ha avviato queste indagini dimostrando che annusarne l’aroma possa migliorare la memoria del 5-7%. I test sono stati effettuati all’interno di alcune scuole inglesi. Hanno scelto dei campioni, cospargendo le aule di rosmarino e i risultati si sono rivelati sorprendenti.  

Le classi esposte all’aroma della pianta hanno risposto meglio alla prova d’esame rispetto a quelle non sottoposte all’esperimento. Il motivo dell’efficacia non è ancora certo esistono due correnti di pensiero: la prima è che il rosmarino agisca in forma farmacologica attivando al meglio il funzionamento della memoria a lungo termine, la seconda è che dia degli input olfattivi al cervello stimolandone il funzionamento. Il rosmarino non è l’unico rimedio per migliorare il rendimento della memoria, per ottenere una tisana davvero efficace utilizziamo anche la menta.