I talebani sono entrati a Kabul. Lo riferiscono testimoni sul posto, aggiungendo che ci sono stati spari nelle strade della capitale. Sembra che il palazzo presidenziale sia in lockdown. I combattenti talebani si trovavano nei distretti di Kalakan, Qarabagh e Paghman. I talebani, come riporta Ansa, affermano in una nota che non hanno intenzione di prendere Kabul “con la forza”.

“La vita, la proprietà e la dignità di nessuno saranno danneggiate e la vita dei cittadini di Kabul non sarà a rischio”, hanno affermato. I talebani hanno preso il controllo dell’università di Kabul, nella parte occidentale della capitale, e hanno anche issato le loro bandiere in uno dei distretti.

Negoziatori talebani si stanno dirigendo al palazzo presidenziale di Kabul per negoziare un trasferimento pacifico dei poteri. Lo riferisce una fonte afghana all’Associated Press. Il presidente afghano Ashraf Ghani, scrive la Bbc, sta tenendo in questo momento consultazioni d’emergenza con l’inviato Usa Zalmay Khalilzad e altri rappresentanti della Nato. 

Panico a Kabul, traffico paralizzato

Scene di panico a Kabul, circondata dai talebani. Le autorità afghane hanno chiesto a tutti i funzionari di lasciare i luoghi lavoro e tornare a casa. Negozi e banche chiudono, il traffico paralizzato da pesanti ingorghi.

Ponte aereo per gli italiani: “Tornate”

Le condizioni di sicurezza in Afghanistan, a seguito dell’avanzata dei talebani verso Kabul, sono in una fase di progressivo deterioramento. A fronte di ciò, secondo quanto apprende l’Ansa, l’ambasciata italiana nella capitale afghana ha inviato una mail a tutti i connazionali presenti nel territorio invitandoli a rientrare in Italia.

Nel testo della mail, si legge: “Facendo seguito agli inviti formulati a lasciare il Paese, visto il grave deterioramento delle condizioni di sicurezza, viene messo a disposizione dei cittadini italiani un volo dell’Aereonautica Militare nella giornata di domani 15 agosto alle ore 21.30 circa dall’aeroporto di Kabul”.

Il ponte aereo è stato attivato per permettere agli italiani in Afghanistan di “lasciare il Paese”. Secondo quanto ha riferito l’Ansa, rimarrà un presidio dell’ambasciata italiana presso l’aeroporto di Kabul, dove si stanno trasferendo le altre ambasciate.

Secondo le stime del Pentagono, sono 30mila le persone che lasceranno l’Afghanistan entro il 31 agosto, con un ritmo di migliaia di rimpatri al giorno.

Pakistan chiude valico di frontiera chiave

Il Pakistan ha chiuso un valico di frontiera chiave con l’Afghanistan lasciando migliaia di viaggiatori bloccati su entrambi i lati del confine dopo che i talebani hanno preso il controllo dall’altra parte della frontiera. Il ministro dell’Interno Sheikh Rashid ha annunciato la decisione di chiudere il terminal di Torkham nel nord-ovest del Pakistan senza dare una tempistica per la riapertura del valico di frontiera. Ha detto che la decisione è stata presa dopo che il lato afghano del confine è passato sotto il controllo dei talebani in seguito alla conquista di Jalalabad.