Aglio congelato, ecco il trucco geniale che tutti dovrebbero conoscere

164

Uno degli ingredienti più antichi e diffusi, l’aglio regna incontrastato da secoli nelle cucine mediterranea e italiana, profumando molti piatti deliziosi.

Le pietanze cucinate con l’aglio, però, hanno quel qualcosa in più e negarlo è semplicemente inutile. Ma c’è un inconveniente e riguarda proprio il suo odore forte e acre, che ci resta in bocca e sulle mani dopo averlo toccato per spadellare. Non importa quante volte laviamo i denti e le mani: l’odore rimarrà fino a che il corpo non lo avrà completamente metabolizzato, e potrebbero volerci anche due giorni. Per fortuna c’è un trucchetto per evitare tutto questo, e benedetto sia colui che lo ha scoperto.

Basterà sbucciare gli spicchi d’aglio e conservarli in un contenitore da riporre nel freezer. In questo modo le nostre mani riusciranno ad eludere il persistente odore di aglio quando andremo a sminuzzarlo. Non serve nemmeno lasciare che gli spicchi si scongelino: si può iniziare a tritarli, sminuzzarli e schiacciarli non appena escono dal congelatore. Mettere l’aglio in freezer non vuol dire soltanto prepararlo e averlo già pronto e sbucciato per quando serve risparmiando tempo ed energie, ma ne prolunga anche il periodo di conservazione, il che è sempre una buona mossa per non sprecare cibo.

Ma come liberarsi dell’iniziale odore di aglio dopo averlo maneggiato per cucinarlo o anche solo per metterlo nel freezer? Ci sono diversi trucchetti. Uno di questi metodi prevede che si usi un po’ di dentifricio e collutorio per pulire le mani. Non solo: si possono usare anche limoni, chicchi o fondi di caffè per aiutare i nostri arti a liberarsi del forte odore. Semplicemente prendiamo entrambi i cibi e strofiniamoli tra le mani: in questo modo l’odore di aglio verrà assorbito del tutto, e ogni volta che avremo voglia di usare l’aglio in cucina non dovremo più temere di restare con il suo “profumo” intenso addosso.