L’alluce valgo è una deformazione ossea che si crea alla base di questo dito, che non risulta dritto come dovrebbe ma più o meno piegato verso le altre dita. Questa protuberanza “a cipolla” non è una questione banalmente estetica, ma è dovuta a un vero e proprio spostamento dell’osso.

Quali sono le conseguenze? Oltre alla fatica di tenere le scarpe, si hanno arrossamenti e dolore, formazione di calli (camminando male, si finisce con l’insistere su altre parti del piede), ridotta mobilità dell’alluce che può trasmettersi alle altre dita. Queste, a loro volta, possono risultare schiacciate dallo spostamento dell’alluce.

Con il tempo, insorgono anche forme artritiche che riducono la mobilità. A quel punto occorre intervenire con antidolorifici e altri medicinali e, nella peggiore delle ipotesi, sottoporsi a operazione chirurgica. Perciò è indispensabile intervenire il prima possibile, cercando in primo luogo di prevenire il problema a monte.

Rimedi naturali per l’alluce valgo

Per trattamenti conservativi si intendono tutti quei rimedi senza intervento utili ad arginare il fastidio e il decorso della patologia, ma si tratta di buone abitudini che sarebbe bene adottare per garantire una buona salute ai nostri piedi e per prevenire altre fastidiose problematiche articolari, come ad esempio l’artrosi al piede.

Ecco alcuni rimedi per l’alluce valgo:

  • Camminare spesso a piedi scalzi, allenando il piede ad articolare il passo nella maniera corretta;
  • fare esercizi per l’alluce valgo, per rinforzare i muscoli e le strutture di supporto del piede e per mantenere una buona mobilità: massaggiare la pianta del piede su una pallina da tennis; muovere le dita in tutte le direzioni; spingere gli alluci a terra e sollevare le altre dita e viceversa; spostare il peso dal metatarso al tallone e viceversa; utilizzare le dita per afferrare una matita o un fazzoletto;
  • indossare scarpe comode, soprattutto nel caso di attività fisica o lunghe passeggiate;
  • utilizzare un plantare oppure un tutore per l’alluce valgo, per mantenere un corretto allineamento osseo del piede;
  • nei momenti di infiammazione più acuta, applicare ghiaccio sulla zona interessata;
  •  massaggiare i piedi con oli, unguenti o creme dalle proprietà antinfiammatorie, come olio di ricino, olio di mandorle, olio di germe di grano, curcuma o arnica;
  • fare pediluvi con sale di Epsom o con oli essenziali che diano sollievo per il dolore: molto indicati sono la lavanda, il tea tree oppure il rosmarino;
  • fare impacchi con argilla, che ha proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche;
  • fare trattamenti fisioterapici (ad esempio laserterapia, tecarterapia, ultrasuoni, ipertermia) per attenuare i sintomi e il dolore.