A volte basta poco per rigenerarsi: osservare l’alba o il tramonto ha un potere terapeutico che può aiutarti a ritrovare l’equilibrio, messo a dura prova dallo stress della routine quotidiana.

La vita di tutti i giorni è spesso frenetica: questo rischia di avere effetti disastrosi sull’umore e, a lungo andare, anche sulla salute. Eppure basterebbe davvero poco per cambiare. Ad esempio, concediti qualche minuto di pausa per ammirare il tramonto: una buona abitudine che potrebbe rivelarsi un autentico toccasana per il tuo benessere fisico e psichico.

Ammirare l’alba o il tramonto ha un inaspettato potere terapeutico. Concedersi qualche minuto per contemplare l’alba o il tramonto è un’ottima abitudine da adottare per prendersi cura del proprio benessere psicofisico. Lo sostengono alcuni studiosi della Brigham Young University, Utah.

I ricercatori hanno scoperto gli straordinari effetti che il sole ha sul nostro umore; come prevedibile, le persone hanno la tendenza ad intristirsi quando le giornate sono poco soleggiate, al contrario appaiono più sorridenti quando godono della luce.

Una pratica dalle origini antichissime

Secondo l’esperimento condotto fermarsi per qualche istante ad ammirare la bellezza del sole che nasce o tramonta si rivela un vero toccasana per mente e cuore. Fate così: cercate un posto tranquillo in cui sedervi in silenzio e concentratevi unicamente sul respiro e sui rumori della natura attorno; guardate il sole sorgere o sparire dietro l’orizzonte, cogliendo colori, sfumature e riflessi.

Secondo la cromoterapia, i colori del tramonto aiuterebbero il corpo e la psiche a ritrovare il loro naturale equilibrio, con effetti fisici e psichici in grado di stimolare il corpo. Il rosso vivo diventa così una medicina naturale, capace di trasmettere solo emozioni positive.

Ritagliatevi un momento di pausa da soli, lasciandovi rapire da questi spettacoli in scena una sola volta al giorno; un modo con cui aiutare il proprio corpo e la propria mente a distendersi, liberandosi dallo stress e dai pensieri negativi.