Gli asparagi, la soluzione ideale per combattere la ritenzione idrica. In commercio si trovamo sia asparagi selvatici che asparagi coltivati. Quelli selvatici crescono in tutta la fascia mediterranea e hanno un colore che va dal verde pastello al verde molto scuro, tendente al viola; sono sottilissimi e molto profumati rispetto alle varietà coltivate.

La pianta di asparagi contiene una maggiore percentuale di fitonutrienti: componenti che servono a difendersi dai parassiti e conferiscono loro un sapore amaro che drena soprattutto il fegato e smuove i depositi di tossine profonde. Le varietà coltivate sono la bianca, quella dalle punte violette e la varietà più comune, quella verde.

Gli asparagi bianchi sono teneri e hanno un sapore più delicato; vengono raccolti quando sono ancora sotto la terra con cui viene coperta l’asparagiaia: crescendo al buio, sono meno fibrosi e hanno un sapore dolce, così come quelli dalle punte viola. La qualità verde è più ricca in sali minerali e vitamine, cresce all’aria aperta, ha gambi amari e germogli dolciastri.

L’asparago ha ottime proprietà diuretiche e depurative ed è un valido rimineralizzante: è consigliabile aumentarne il consumo soprattutto a marzo e aprile, durante il periodo di prima raccolta, quando l’organismo in particolare intestino, reni e pelle necessita di una pulizia profonda. Tra le vitamine presenti nell’ortaggio spiccano la C e la A, che rallentano la sclerosi dei tessuti e ringiovaniscono la pelle, migliorando il tono cutaneo e muscolare.

Tra i sali minerali, oltre a calcio e magnesio, troviamo il potassio (favorisce l’eliminazione dei liquidi dai tessuti), manganese, fosforo e bromo, sedativi della fame nervosa. Gli asparagi contengono anche la rutina, che rinforza i capillari, e purine, che riducono il ristagno dei liquidi conferendo alla pelle un aspetto tonico, compatto, senza cellulite.

L’asparago è un vegetale spazzino,ripulisce contemporaneamente intestino, fegato, reni, polmoni e pelle. Essendo un alimento altamente alcalinizzante, va a modulare l’equilibrio acido-basico del sangue e della linfa, spesso alterato da un’alimentazione invernale ricca di alimenti acidi, come le proteine animali e i dolci. L’azione diuretica e anti acido dell’asparago ha quindi un immediato effetto dimagrante perché smuove l’eccesso di ristagni.