La truffa più recente promette di consegnare un falso buono Amazon che, se investito, vi farà presumibilmente guadagnare fino a 1.000 euro al mese.

È un peccato che il compenso promesso non arriverà mai sul vostro conto. Tuttavia, si tratta solo di una scusa per truffare il maggior numero possibile di persone e rubare i loro soldi sottraendo i loro dati bancari.

Come funziona l’ultima truffa che promette guadagni facili

Ad esempio, da qualche tempo circola una falsa offerta di lavoro che promette una retribuzione extra in cambio dell’investimento di buoni Amazon.

L’ultima truffa è simile alla precedente: “Ti è stato assegnato un account Amazon, solo per pochi giorni! Investi a partire da 200 euro e guadagna fino a mille euro al mese”, si legge nel messaggio che molte persone stanno ricevendo in questi giorni. Poi, nel messaggio, c’è un invito a cliccare su un link – ed è qui che avviene la truffa.

“Ti è stato assegnato un account Amazon”: i consigli per riconoscere la truffa e difendersi

Il termine “smishing” è un acronimo che sta per SMS phishing e si riferisce a un attacco di cybersicurezza in cui gli hacker utilizzano i messaggi di testo mobili – noti anche come Short Message Service, o “SMS” – per tentare di rubare informazioni personali.

Questo tipo di attacco si basa sull’inganno della vittima nel fornire informazioni sensibili sfruttando la sua fiducia, piuttosto che su exploit tecnici.

I criminali informatici inviano messaggi di testo fraudolenti con i quali cercano di invogliare il destinatario a cliccare su un link dannoso, semplicemente utilizzando messaggi di testo accattivanti (che spesso promettono guadagni facili, sconti o buoni) può essere sufficiente per far crescere una fanbase.

Lo scopo del malware è infettare il dispositivo mobile e rubare i dati sensibili della vittima accedendo alle credenziali di accesso, alle password o ai portali aziendali , bancari e ogni tipo di dato sensibile che possono sfruttare a loro favore.

In pochi secondi, gli hacker non solo possono accedere direttamente ai conti bancari (e svuotarli), ma possono anche rubare le identità (per commettere altri reati) e danneggiare le aziende sfruttando le connessioni e i contatti dello smartphone infetto.

La buona notizia è che potete facilmente proteggervi da questi attacchi: basta non cascarci. Una volta che l’hacker ha inviato un messaggio di testo al vostro telefono, cancellate semplicemente il testo.

Diffidate dei messaggi sospetti ed evitate di cliccare sui link, anche se sembrano legittimi. Se non siete sicuri che un messaggio di testo sia valido, cercate su Internet ulteriori informazioni.

In questo caso, per esempio, sul sito di Amazon non c’è nessun accenno al buono o alla campagna di investimenti.