Le analisi condotte dall’Arpae sulla costa emiliano romagnola hanno portato al divieto temporaneo di balneazione ben 28 spiagge del litorale. L’acqua è contaminata da due tipi di batteri: e. coli ed enterococchi intestinali.

Batteri fecali nelle acque dell’Emilia Romagna

In laboratorio è stata riscontrata una concentrazione di escherichia coli superiore alla norma, probabilmente per il verificarsi di diversi fenomeni meteorologici, ideologici e marini contemporaneamente.

  • Temperatura dell’acqua molto elevata da settimana, con valori intorno ai 30° C.
  • Prolungata assenza di ventilazione.
  • Scarso ricambio delle acque.
  • Mancata diluizione delle immissioni nei corsi d’acqua che arrivano al mare a causa delle forte siccità.

Per ogni campione vengono controllati due parametri microbiologici.

  • Presenza di escherichia coli (limite di 500 mpn/100 ml).
  • Presenza di enterococchi intestinali (limite di 200 mpn /100 ml).

Il superamento dei limiti previsti dalla normativa, anche solo di un parametro, determina in automatico il divieto temporaneo della balneazione nei tratti di costa interessati.

Entro il week-end, anche sulla base dei dati relativi a ulteriori campioni prelevati, si terrà un incontro al Comune di Rimini tra tutti gli enti e i soggetti interessanti per decidere eventuali misure da intraprendere.

Sintomi da escherichia coli ed enterococchi

La presenza di escherichia coli ed enterococchi intestinali è usata come indicatore della qualità del mare in tutte le coste italiane. La presenza di questi due tipi di batteri fecali è costantemente monitorata in tutta la Penisola.

Alcuni ceppi possono causare infezioni anche gravi, soprattutto nei bambini. Di seguito i sintomi più comuni.

  • Diarrea, anche con sanguinamento.
  • Crampi addominali.
  • Nausea e vomito.

La presenza di questi patogeni nell’acqua, senza un’elevata carica batterica, non causa in genere disturbi gravi. Ma è importante monitorarla per avere degli indicatori sulla contaminazione fecale dei mari e sulla presenza di virus, protozoi e altri batteri associati.

Divieto di balneazioni in 28 spiagge: 26 a Rimini

L’allarme riguarda un tratto nel comune di Goro, il tratto di Pinarella di Cervia e 26 tratti in provincia di Rimini. Nelle seguenti spiagge è ora vietata la balneazione.