Il Benzoino (nome botanico Styrax benzoin) appartiene alla famiglia delle Styracaceae ed è un arbusto che raggiunge i 12 metri di altezza. Originario di Sumatra in Indonesia si è poi diffuso in tutto l’Oriente dove viene coltivato per la sua resina utilizzata da millenni.

Proprietà del Benzoino

Il Benzoino ha un’energia riscaldante e idratante e la sua azione comprende diversi ambiti: è infatti un ottimo tonico nervino, diuretico, equilibrante, antisettico, cicatrizzante, lenitivo, calmante, espettorante, antinfiammatorio. 

Da tutte queste azioni si può dedurre che può essere utilizzato per ottenere benefici sul sistema respiratorio, sull’apparato genito-urinario e ormonale, ma la sua importanza è data soprattutto dall’azione sulla pelle, sul sistema nervoso e sulle emozioni.

Azione sul sistema nervoso

La sua azione come tonico nervino è a largo spettro e comprende diversi disturbi, dalla sindrome premestruale all’irritabilità e allo stress, fino ad arrivare alla depressione. Utilissimo quando ci si sente particolarmente nervosi, irritabili, impazienti. Il suo aroma dolce porta gioia al cuore, dona forza, energia, rivitalizza la mente e riscalda e coccola l’anima. 

E’ un olio decisamente rasserenante, aiuta a essere tolleranti e flessibili, colma il vuoto emotivo di chi si sente solo e abbandonato. Un valido aiuto per cicatrizzare le ferite del cuore e dell’anima. Predispone all’accoglienza e al lavoro di gruppo. Può essere applicato sui polsi o sul plesso solare oppure diffuso nell’ambiente.

Azione sulla pelle

Viene usato in cosmetica per arricchire le creme e gli oli per la pelle secca e, come curativo, per ammorbidire e cicatrizzare le ferite e disinfettarle in caso fossero infette. Per l’utilizzo cosmetico, aggiungere 1 goccia di olio di Benzoino alla dose di crema che si applica sul viso, oppure aggiungere 5 gocce ad un cucchiaio di olio vettore per lenire la pelle secca e screpolata del corpo.

Lenitivo e addolcente

La sua azione è molto lenitiva, addolcente e delicata sia per il corpo che per il viso oltre ad avere un effetto antinvecchiamento per la pelle matura e per le prime rughe. Ottimo anche da aggiungere alle creme per la couperose, per sfiammare l’acne e per schiarire le macchie dell’età sul viso.

Per quanto riguarda invece l’utilizzo curativo sulla pelle, applicare una goccia di olio puro direttamente sulla ferita da disinfettare o cicatrizzare. (in caso di sensibilità a questo olio meglio diluirla in pochissimo olio vettore).

I benefici dell’incenso benzoino

Accendere un incenso nella stanza o lasciare che alcuni grani brucino nel brucia essenze, permette un rinnovamento dell’aria: quando la sostanza utilizzata contiene proprietà terapeutiche e benefiche, il risultato è assicurato.

Lavorare o vivere in un ambiente dall’aria energeticamente sana è molto importante per il nostro rendimento mentale e anche fisico.

L’incenso di benzoino ha proprietà:

  • antimicrobiche,
  • antimicotiche,
  • disinfettante,
  • tonico, ansiolitico.

Un incenso benzoino permette di purificare l’aria, soprattutto in caso di ambienti molto affollati, chiusi per diverse ore o in caso di virus influenzali presenti nell’aria. La sua essenza aiuta anche in caso di difficoltà respiratoria data da raffreddore e chiusura delle vie aeree.

La sua azione balsamica stimola i processi naturali di difesa dell’organismo. Quando l’aroma dell’incenso si diffonde nell’aria, le sue note calde hanno funzione tonica, contrastano l’ansia e lo stress.

Svolge in buona parte un’azione antidepressiva. In caso di raffreddore, asma, bronchite o sinusite, si consiglia l’utilizzo dell’incenso benzoino negli ambienti abitativi: è possibile preparare in questo modo anche l’ambiente della camera da letto, lasciando bruciare l’incenso circa un’ora prima di coricarsi.

Utile anche in caso problemi legati alla pelle come eczemi perché stimola la purificazione.

Incenso benzoino: rimedio antico

L’incenso benzoino è uno dei rimedi più antichi mai conosciuti, utilizzato da popolazioni asiatiche, mediorientali e anche egizie per preparare medicinali utili alla protezione della pelle.

La sua azione disinfettante, cicatrizzante e lenitiva lo rendeva uno dei rimedi scelti per la cura del corpo e grazie alla sua azione sedativa, veniva utilizzato per curare le affezioni del tratto respiratorio.

Le sostanze rilasciate con la bruciatura di questa essenza, diventano un rimedio eccellente per prevenire l’insorgere di malattie da contagio, tipiche della stagione invernale. Si tratta quindi di un’antica conoscenza che si è tramandata nel tempo.

Altri utilizzi sul corpo

Migliora la circolazione sanguigna, utile in associazione all’olio di semi di pompelmo in caso di infezioni genito-urinarie. Grazie alla sua azione antisettica ed espettorante disinfetta la gola e calma la tosse sia secca che grassa. In caso di bronchiti o raffreddori forti è consigliato sia fare dei suffumigi con 3-4 gocce di olio in acqua molto calda, che diffonderlo nell’ambiente tramite diffusore durante l’intera giornata. Per la sua azione riscaldante e stimolante sulla circolazione e come cicatrizzante, risulta essere un valido aiuto nel trattamento dei geloni e delle screpolature da freddo.

Fissatore e un conservante

E’ ottimo per creare un profumo personalizzato a base di oli essenziali perché è un fissatore e trattiene le note più volatili, inoltre è un conservante perché impedisce il processo di ossidazione degli oli essenziali.