Bevi la spremuta a colazione? Non sai cosa stai facendo

La spremuta d’arancia non è quel concentrato di vitamina e energia che si pensa e, forse, non è neanche la bevanda più sana per iniziare le giornate.

Spremendo l’arancia si perde la maggior parte della fibra originale del frutto. Quindi, mangiare un’arancia intera, risulta più sano che spremerla e inoltre sazia di più. Il corpo infatti elabora il succo, come altre bevande zuccherine, molto più velocemente di un frutto intero a causa della sua mancanza di fibre, grassi e proteine.

Potrebbe succedere quindi che con una sola spremuta non si plachi la fame per molto tempo e l’organismo richieda di consumare presto ancora più calorie.

Ancora peggio sono i succhi all’arancia che si trovano al supermercato che spesso tra carboidrati e zuccheri sono delle vere e proprie bombe caloriche.

Ecco i valori nutrizionali di un bicchiere di succo d’arancia:

• 153 calorie
• 34 g di carboidrati
• 27 g di zucchero
• 2,4 g di proteine
• 0,7 g di fibre

Per la colazione, pasto più importante della giornata, sarebbe bene concentrarsi più su una grande varietà di frutta, verdura e cereali integrali. Bere tanto tè verde e la spremuta d’arancia magari lasciarla per lo spuntino della metà mattina.

La colazione ideale è un equilibrio di elementi nutritivi

La colazione è uno dei pasti più importanti della giornata perché normalmente al risveglio ci troviamo a digiuno da sette-otto ore ; abbiamo poche energie e per questo occorre fare subito rifornimento per evitare di rimanere a corto di zuccheri nel sangue e andare incontro ad ipoglicemia, sonnolenza e difficoltà di concentrazione ed innescare un vero e proprio circolo vizioso: chi non fa colazione al mattino è portato a mangiare molto di più nel corso della giornata, con il rischio di eccedere e di ingrassare.

Una buona colazione invece, innesca un circolo virtuoso con effetti benefici su tutta la giornata; riusciremo a mantenere attenzione senza senso di languore, faremo uno spuntino leggero e un pranzo e una cena equilibrati consumati con normale appetito.

Proprio per evitare cali di energia in momenti importanti della giornata , le calorie della giornata andrebbero ripartite in 5 pasti:

  • Colazione 15-20%
  • Spuntino metà mattino 5-10%
  • Pranzo 40%
  • Spuntino metà pomeriggio 5-10%
  • Cena 30%

In una buona e sana prima colazione non devono mancare sia i macro che i micronutrienti. Però purtroppo al giorno d’oggi in moltissimi dei prodotti utilizzati quotidianamente si nascondono parecchie insidie: troppi zuccheri raffinati dai quali bisogna stare alla larga! Ecco alcuni consigli per preaparare per iniziare nel modo migliore la nostra giornata :

SINO
Sali minerali, antiossidanti, vitamine, fibre, fermenti latticiThe verde non dolcificato, centrifugati o spremute di frutta fresca, latte scremato o parzialmente scremato, latte di soia o di riso, caffèSucchi e the dolcificati Perché? Sono poveri di frutta e ricchi di coloranti, conservanti, zucchero e derivati
CarboidratiPane integrale e fette biscottate, marmellata bio, biscotti secchi, cereali integrali non dolcificatiProdotti da forno e cereali raffinati : brioches, fette biscottate, Cerali dolcificati, frollini, pane industriale nei quali compare la scritta “grassi vegetali idrogenati”Perché?Hanno una quantità elevata di grassi saturi, di origine animale, un basso potere saziante, un alto contenuto calorico e un elevatissimo indice glicemico
Proteine e grassiManciata di frutta seccaUova e insaccati