Fino al 31 dicembre 2022 viene riconosciuto in automatico il bonus bollette 2022, ovvero lo sconto in bolletta su luce, gas e acqua per le famiglie in difficoltà e le imprese.

Più volte rimaneggiata, la misura è stata ulteriormente finanziata e, grazie al Decreto Costi Energia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, lo sconto per le famiglie è stato autorizzato, e quindi prorogato, anche per il terzo trimestre del 2022 (luglio-settembre).

Vediamo come funziona il bonus bollette 2022, a chi spetta e a quanto ammonta.

A che spetta il bonus bollette 2022

Il Decreto Energia 2022 ha allargato la platea dei beneficiari a tutte le famiglie con un ISEE al di sotto dei 12.000 euro (articolo 6) con lo scopo di fronteggiare il caro bollette conseguente alla crisi energetica acuita dalla guerra in Ucraina. Le agevolazioni del bonus bollette 2022, dunque, a partire dal 1° aprile 2022, per le famiglie in difficoltà (bonus sociale) spettano:

  • ai nuclei con un ISEE al di sotto dei 12.000 euro annui, al posto del limiti di 8.265 euro annui previsto dal Decreto Bollette 2022;
  • ai nuclei numerosi con un ISEE di 20.000 euro annui e almeno 4 figli;
  • ai beneficiari del Reddito di cittadinanza o pensione di cittadinanza;
  • agli utenti in condizioni di salute precarie che utilizzano apparecchiature elettromedicali.

Per queste prime quattro categorie sono quasi azzerati gli effetti dell’aumento della bolletta. Con il Decreto Costi Energia pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.151 del 30-6-2022 poi, tale bonus è anche retroattivo. Ovvero, il bonus sociale, agevolazione a favore dei clienti domestici economicamente svantaggiati oppure in gravi condizioni di salute, viene riconosciuto anche per il primo trimestre 2022, quindi con effetto retroattivo. Le soglie di reddito per accedere ai bonus sono:

  • 8.000 euro per il primo trimestre 2022;
  • 12.000 euro per il secondo e terzo trimestre 2022.

Compensazione e rimborsi entro il 31 dicembre 2022

All’articolo 1 del Decreto Aiuti 2022, si legge anche che per in caso di ottenimento di attestazione ISEE che permette l’applicazione dei bonus sociali elettricità e gas, se il cliente ha effettuato già il pagamento, vi sarà una compensazione.

In pratica, se ha pagato nell’anno in corso ma in data antecedente all’ottenimento dell’attestazione, di somme eccedenti a quelle dovute sulla base dell’applicazione del bonus, avrà un’automatica compensazione da effettuare nelle bollette immediatamente successive. Qualora questo non sia possibile, avrà un automatico rimborso.

Sia la compensazione che il rimborso sono da effettuarsi entro il 31 dicembre 2022. Nel caso in cui il pagamento non sia stato ancora effettuato, allora l’importo dovrà essere rideterminato con applicazione del bonus bollette 2022.