Burioni attacca Galli: “I Funebri non mollano neanche di fronte all’evidenza”. La polemica social

burioni_variante_indiana

Massimo Galli, direttore del reparto di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, è tornato a parlare in televisione di Covid-19 nel corso dell’ultima puntata andata in onda su Rai Tre di ‘Cartabianca’. Ed è subito polemica.

Proprio durante la trasmissione Rai, Massimo Galli è stato criticato da Matteo Salvini. Il leader della Lega ha detto: “Ho sentito la ventata di ottimismo del professor Galli, mi ricorda ‘Non ci resta che piangere’… ‘Ricordati che devi morire’“.

E poi: “Se avessimo ascoltato il professor Galli non avremmo riaperto niente alla fine di aprile: bar, ristoranti all’aperto, niente. Sarebbero saltati milioni di posti di lavoro. Per fortuna abbiamo permesso a tanta gente di tornare a lavorare, altrimenti sarebbe stato un disastro”.

Anche Burioni contro Galli: l’attacco su Twitter

Massimo Galli è stato criticato anche dal virologo Roberto Burioni. Su ‘Twitter’, il virologo ha condiviso alcune dichiarazioni del direttore di Malattie Infettive del Sacco di Milano (“Stiamo vaccinando con un vaccino montato sul virus che girava a Wuhan un anno fa: nel frattempo sono arrivati molti elementi di variazione. Chi ha fatto l’infezione di recente ha anticorpi più attuali rispetto a quelli che può elicitare il vaccino. (…) Non si è ragionato sulle strategie alternative per coloro che non hanno una risposta immunitaria dopo il vaccino”).

Questo il commento di Burioni: “Niente da fare, I Funebri non mollano neanche di fronte all’evidenza dei numeri, positivi oltre ogni aspettativa. (PS: ‘Elicitare’ è da galera)”.