Un terribile dramma della solitudine si è consumato nelle campagne di Tivoli, a Roma. Un uomo di 83 anni con problemi di deambulazione è stato ritrovato senza vita in una strada sterrata, a poca distanza dalla sua abitazione. Secondo quanto si apprende è morto di stenti dopo essere caduto. Il suo cadavere è stato rinvenuto solo dopo due settimane.

La tragedia è avvenuta in via dei Tigli, strada secondaria sterrata situata nella parte alta della città. Le indagini condotte dalle forze dell’ordine hanno ricostruito che l’anziano era uscito di casa per andare a prelevare la pensione.

Di ritorno, mentre col suo bastone attraversava una strada in salita che costeggia il muro del cimitero di Tivoli, ha perso l’equilibrio cadendo a terra. Da quel momento non è più riuscito a rialzarsi.

L’83enne, che viveva da solo, non era sposato e non aveva figli, potrebbe aver provato a chiedere aiuto, ma inutilmente: nessuno si è accorto della sua presenza per due settimane.

Il ritrovamento del corpo

Con il passare del tempo l’anziana vittima è morta di stenti al caldo, senza acqua e senza cibo. Una fine atroce.

Ad accorgersi di quanto era successo è stato il proprietario della casa in cui viveva l’uomo: voleva andare a trovarlo dopo essere tornato dalle vacanze. Quando nella strada sterrata ha scoperto il corpo senza vita riverso a terra accanto al bastone era già troppo tardi.

Il cadavere era in stato di decomposizione, con una giacca sopra la testa, forse messa nel tentativo di ripararsi dai raggi cocenti del sole. Il proprietario della casa ha immediatamente chiamato il 112.