Le giornate si accorciano e diventano più fredde, la luce diminuisce, le festività sembrano un ricordo lontano e per le prossime vacanze sono ancora lontane.

La somma di questi diversi fattori – alcuni evidenti, altri sottili – ha un enorme impatto sulla nostra salute psicofisica. Non è un caso che il 16 gennaio 2023 sia il Blue Monday: un giorno riconosciuto come il più triste di tutti.

Tuttavia, se c’è qualcosa che può migliorare il nostro umore calmandoci e facendoci sentire di nuovo più felici, sono le piante e i fiori.

Gli esperti, infatti, spiegano perché il giardinaggio può avere così tanti effetti positivi sulle persone e cosa rende il mondo naturale un ambiente favorevole alla salute umana.

Il potere del colore verde.

La cromoterapia utilizza il colore verde per creare un’atmosfera rilassata e riposante che favorisce la guarigione.

Il colore verde è associato alla speranza e all’armonia perché stimola il sistema nervoso a produrre effetti calmanti, essendo al centro dello spettro della luce visibile.

Le piante infondono un senso di pace e relax.

Lasciatevi alle spalle lo stress e l’ansia quando siete circondati da fiori e piante.

Questo fenomeno è dovuto in parte al fatto che il verde, come già detto, può essere rilassante. Ma ha anche a che fare con i profumi emanati dai fiori – i più usati sono la lavanda e il basilico o il rosmarino – che riducono gli ormoni dello stress nel nostro corpo.

O grazie alla loro capacità di purificare l’aria, come l’orchidea. O come i gigli della pace, che sono molto facili da curare e mantengono l’ambiente fresco e armonioso – e sono in grado di eliminare la sensazione di umidità!

Prendersi cura di una pianta fa bene alla psiche. 

Prendersi cura di un essere vivente ha un effetto terapeutico e ci fa sentire capaci di creare la vita anche se non siamo particolarmente bravi a coltivare le piante.

Annaffiare, spolverare le foglie e piccole potature possono rendere felice una pianta. Anche una buona illuminazione è importante per una crescita sana. Quando una pianta riceve queste attenzioni, risponderà crescendo bene e mostrando la sua gratitudine attraverso un fogliame rigoglioso o fiori abbondanti.

Vedere crescere e fiorire qualcosa che si è coltivato è un ottimo modo per risollevare il morale.

Connessione perduta con la natura

Per secoli c’è stato uno stretto legame tra l’uomo e il mondo naturale, ma questo legame sta gradualmente svanendo.

Il modo per ristabilire la connessione perduta con il mondo naturale è camminare in esso, respirare i suoi profumi e ammirare la sua bellezza, tutti elementi fondamentali per il corpo e l’anima.

Anche se non possiamo sempre uscire all’aperto per godere dei benefici psicofisici del contatto con la natura, possiamo aprire le porte e farla entrare nelle nostre case.

Le piante aiutano la concentrazione

Secondo la cromoterapia, il colore verde favorisce la concentrazione. Se a questo fatto si unisce la consapevolezza che piante come il ficus aiutano a ridurre l’inquinamento acustico e a purificare l’aria, è facile capire perché circondarsi di fiori e piante nella propria area di studio o di lavoro possa essere utile.

Il potere del bello

La bellezza è una componente importante della salute mentale. Quando ci circondiamo di cose belle, armoniose e semplici, la nostra mente si sente bene e lo stress si dissipa; anche la rabbia si allontana.

I fiori sono belli, naturali e semplici. Il loro profumo e i loro colori riempiono l’ambiente che ci circonda.

Rallentare

Le piante hanno un ritmo proprio, in contrasto con quello della società. Imparando da loro e lasciandoci trasportare da questo ritmo necessario, un esercizio importante per diventare più pazienti e consapevoli dei nostri ritmi interni, possiamo imparare a conoscere le piante.