Il colpo di calore e l’insolazione sono causati dall’esposizione a temperature elevate. D’estate, quindi, il pericolo di esserne vittime è elevato e la prevenzione è la soluzione ideale. Entrambi dipendono dal caldo, ma la condizione più grave è il colpo di calore.

Le differenze fra insolazione e colpo di calore

Il colpo di calore si verifica quando la temperatura corporea arriva a 40° o più. Può danneggiare il cervello, i polmoni, il fegato, il sistema cardiocircolatorio e quello digestivo, i reni e i muscoli.

L’insolazione è meno problematica e per riprendersi è sufficiente reidratarsi e mettersi a riposo. A tal proposito, ecco quanta acqua bere con il grande caldo. Se ciò non basta, è necessario sentire il medico per evitare che subentri il colpo di calore, con tutte le conseguenze del caso.

Quest’ultima condizione può sopraggiungere a seguito di uno sforzo, di norma all’aperto e sotto il sole, o perché non ci si riesce ad adattare alle alte temperature. In tal senso gli anziani, i bambini e le persone che soffrono di malattie croniche sono maggiormente a rischio.

I sintomi

Se si notano determinati segnali è importante correre ai ripari. Potrebbe trattarsi di un colpo di sole se si avvertono:

  • Battito cardiaco più veloce o più debole della norma;
  • Crampi;
  • Mal di testa;
  • Urine di colore scuro;
  • Debolezza, nausea e vomito;
  • Vertigini e svenimenti;
  • Pelle fredda;
  • Sudorazione eccessiva.

Se si tratta ‘soltanto’ di un’insolazione, invece, i sintomi sono differenti:

  • Temperatura superiore o uguale ai 40°;
  • Battito accelerato;
  • Stati di confusione/agitazione;
  • Biascicamento;
  • Perdita di conoscenza;
  • Pelle secca e calda;
  • Convulsioni;
  • Coma.

Ecco allora che, prima che possa succedere il peggio, è bene correre ai ripari con dei rimedi facili da mettere in pratica. Una precisazione è d’obbligo, però, se la situazione non rientra in breve tempo (un’ora al massimo) è necessario chiamare il medico.

I rimedi per evitare e contrastare colpo di sole e/o insolazione

Quando arriva l’estate è importante evitare di faticare e stare sotto il sole durante le ore più calde della giornata. Se si avverte uno o più dei segnali appena descritti, è fondamentale cercare un luogo all’ombra e alleggerire il proprio abbigliamento. Se se ne ha la possibilità, meglio accendere l’aria condizionata oppure un ventilatore.

È bene anche distendersi con le gambe sollevate, mantenere la calma ed evitare di strofinare dell’alcol sul corpo (potrebbe raffreddarsi troppo velocemente e causare uno sbalzo termico pericoloso).

Inoltre è importante sciacquarsi con acqua fredda e tamponare il corpo con asciugamani bagnati. Infine è importante mantenersi idratati con acqua e integratori specifici per chi fa sport, perché ricchi di sali minerali.

La prevenzione è la strada migliore

Per evitare l’insolazione e il colpo di calore è fondamentale prevenire eventuali situazioni di rischio. Ecco perché è importante non uscire nelle ore più calde e cercare l’ombra. È bene anche bere dai due ai quattro bicchieri d’acqua ogni ora, se si è in una condizione di pericolo.

Inoltre è importante fare delle pause durante il lavoro e l’attività fisica, indossare vestiti larghi e di cotone, un cappello, fare delle docce con acqua fresca. Infine è importante non rimanere nell’auto parcheggiata, soprattutto se sotto il sole ma in generale durante il periodo estivo.