Come conservare le uova: trucchi e consigli

117

Le uova sono un cibo estremamente nutriente, ma non solo: se assunte nelle giuste dosi, aiutano in primis la funzionalità del fegato. Attraverso la colina, aminoacido utile per il funzionamento sistema epatico di cui sono ricche, le uova stimolano la secrezione della bile e, legandosi ai fosfolipidi, aiutano a prevenire l’ossidazione e l’accumulo dei grassi nel fegato. La colina agisce prevenendo la formazione dei depositi di grasso e colesterolo sulle arterie, che costituiscono l’anticamera dell’arteriosclerosi.

Proteggono anche cuore e sistema immunitario

Inoltre, le vitamine del gruppo B presenti nelle uova riducono il livello di omocisteina, fattore di rischio dei disturbi cardiaci mentre l’apporto di ferro cura le anemie e tonifica il sistema immunitario, con benefiche ripercussioni sulla funzionalità metabolica. Alcuni studi confermano poi che la colina (una lecitina che si trova nel tuorlo) riduce l’assorbimento intestinale ed ematico non solo relativamente al colesterolo contenuto nelle uova, ma anche degli alimenti assunti con esso, nello stesso pasto. Ciò non significa che le uova risolvano il problema di coloro che hanno una ipercolesterolomia: semplicemente consentono di evitare le drastiche esclusioni dell’uovo dalla dieta quando sono ingiustificate.

Come conservare le uova

Innanzitutto, per uova s’intendono quelle di gallina, cioè il tipo che ti capiterà di consumare più spesso. Sicuramente saprai già che questo prodotto è formato da guscio, albume e tuorlo, ma per capire come conservarlo al meglio, dovrai entrare più nel dettaglio della sua morfologia.

Il guscio ad esempio è rivestito dalla cuticola, la parte più esterna, e che forma una prima barriera contro la penetrazione di germi e batteri. Al di sotto del guscio, c’è una seconda protezione: si chiama membrana testacea e la trovi addirittura come un doppio strato in tutti i punti dell’uovo, tranne nella parte inferiore e più larga, dove puoi vedere una leggere rientranza tondeggiante, ovvero “la camera d’aria”. Per quanto riguarda il colore del guscio, sappi che dipende unicamente dalla razza e quindi non ha importanza che sia bianco oppure rosa.

Per rispondere alla domanda cruciale sul dove sia meglio conservare le uova, ti viene in aiuto il regolamento europeo 589 del 2008, dove si legge che “devono essere tenute al fresco dopo l’acquisto”. Prima di finire nella mani del consumatore, passano attraverso una serie di fasi di trasporto e stoccaggio e queste devono avvenire a temperatura ambiente. E c’è una ragione ben precisa.

Le uova del supermercato devono essere conservate in frigorifero. Si tratta infatti del luogo della tua casa maggiormente al riparo da drastici cambi di temperatura. Non vanno invece riposte nell’anta dove spesso puoi trovare il cosiddetto portauova, perché il cartone nel quale sono contenute aiuta a evitare che si formi la condensa. Meglio invece se le metti nel ripiano più alto, assieme a formaggi e altri latticini. Una volta estratte, dovresti cucinarle entro le successive due ore.

La data di scadenza riportata sulla confezione solitamente è fissata a 28 giorni da quando l’uovo è stato deposto. Si intende però un prodotto conservato nel modo ottimale e che quindi può resistere tutto quel tempo senza il rischio di sviluppare batteri al suo interno. Tieni presente che da quando la gallina lo produce, un uovo si mantiene sterile per al massimo 15 giorni, che scendono a 5 nei periodi più caldi, dopodiché inizia la proliferazione batterica. Entro la data indicata secondo la legge, non corri rischi per la salute. Successivamente, ti consiglio di stare attento perché aumenta la possibilità di contrarre batteri, fra i quali la salmonella.

Conservare le uova fuori dal frigorifero non è del tutto sbagliato, ma bisogna fare una distinzione fra i vari tipi di prodotti che trovi in vendita. Devi sapere per prima cosa che le uova in Italia sono principalmente sane, perché le galline vengono vaccinate e, soprattutto nei casi di allevamento a terra, corrono meno rischi di contrarre la salmonella. Tieni presente però che i prodotti provenienti da procedimenti intensivi, che in ogni caso ti consiglio di evitare, sono state esposte a dosi massicce di antibiotici perché vivendo, in sostanza, appiccicate le une alle altre aumentano le possibilità di contagio in modo esponenziale. Per questa ragione, in linea di massima conserva sempre in frigorifero le uova acquistate al supermercato.