Scopriamo insieme tutto sulla vaccinazione frazionata, considerata strumento sicuro per immunizzare anche chi allergico all’eccipiente del vaccino anti-Covid.

La vaccinazione frazionata garantisce l’immunità anche a chi allergico al polietilenglicole. Prevede il frazionamento di una normale dose di vaccino (0,3 millilitri) in due mini-dosi (la prima da 0,05ml e la seconda da 0,25ml) da somministrare a distanza di 20 minuti.

Ad oggi, i pazienti vaccinati in questo modo sono risultati tutti perfettamente immunizzati e senza alcun effetto collaterale legato all’allergia; insomma, a quanto pare si tratta di una soluzione facile e sicura, un’opportunità inclusiva estremamente importante.

I soggetti allergici al polietilenglicole, circostanza rara, se ignari di esserlo e sottoposti a vaccinazione anti-Covid, potrebbe incappare in problemi addominali mediani, in una forma d’orticaria generalizzata o di un angioedema, stato edematoso a livello di occhi e labbra; effetti collaterali comunque, va detto, non letali, come fin qui dimostrato dalla letteratura scientifica.