Covid, immunità di gregge “impossibile”: i motivi

71

Un recente articolo pubblicato su ‘Nature’ ha fatto il punto della situazione sulla tanto attesa immunità di gregge in relazione alla pandemia di coronavirus. La pubblicazione si intitola “Cinque motivi per cui l’immunità di gregge è probabilmente impossibile” ed elenca le ragioni per cui probabilmente non sarà possibile raggiungere un numero sufficiente di persone immuni per bloccare totalmente la circolazione del virus. Una possibile prospettiva a lungo termine per la pandemia è che il Covid-19 diventi una malattia endemica, come l’influenza.

I vaccini potrebbero cambiare il comportamento umano

Il primo motivo per cui probabilmente non sarà possibile raggiungere l’immunità di gregge per il Covid-19 è il fatto che, al momento, non è ancora chiaro se i vaccini, oltre alla malattia, prevengano anche la trasmissione del coronavirus. Per avvicinarsi allo scopo potrebbe bastare anche un’efficacia pari al 70% ma, sebbene i dati dei vaccini Moderna e Pfizer siano “incoraggianti”, allo stato attuale non si hanno certezze in tal senso.

La seconda motivazione è legata agli squilibri esistenti tra le campagne vaccinali dei vari Paesi nel mondo. Al momento, infatti, ci sono enormi differenze nell’efficienza della distribuzione dei vaccini tra i Paesi, così come all’interno di essi. L’articolo di ‘Nature’ si interroga anche su un altro fattore, legato alla vaccinazione pediatrica: quando e se ci sarà un vaccino anti Covid approvato per i bambini è ancora tutto da vedere. Pfizer e Moderna hanno arruolato adolescenti nelle loro sperimentazioni cliniche e i vaccini AstraZeneca e Sinovac sono testati su bambini di appena tre anni, ma per i risultati bisogna ancora attendere. Se non sarà possibile vaccinare i bambini, molti più adulti dovranno essere sottoposti a vaccino per ottenere l’immunità di gregge.

Il terzo fattore è legato alle nuove varianti di coronavirus e al loro tasso di contagiosità, che cambiano l’equazione dell’immunità di gregge: in presenza di un virus più trasmissibile, il valore da raggiungere, infatti, si alzerebbe.

Il fatto che, a oggi, non si sappia ancora quanto durino sia l’immunità naturale che l’immunità data dal vaccino è il quarto motivo per cui raggiungere l’immunità di gregge anti Covid è probabilmente impossibile. Stando alle informazioni attuali, sembra che l’immunità associata all’infezione diminuisca nel tempo e ciò va preso in considerazione nei calcoli per l’immunità di gregge. Inoltre sarà fondamentale capire se e quando sarà necessario un richiamo per il vaccino anti Covid.

L’ultima considerazione riguarda il comportamento delle persone vaccinate contro il Covid. Nell’articolo di ‘Nature’ si legge: “Il problema è che, man mano che più persone vengono vaccinate, aumentano le loro interazioni e questo cambia l’equazione per l’immunità di gregge, che dipende in parte dal numero di persone esposte al virus”. Sarà difficile impedire alle persone di tornare ai comportamenti pre-pandemia, ma l’esempio della stagione influenzale, praticamente azzerata quest’anno grazie a distanziamento e mascherine, fa capire come il comportamento delle persone sia in grado di cambiare l’equazione.