COVID: quattro leoni positivi allo zoo di Barcellona

56

In due Paesi sono stati registrati casi isolati di infezione dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2 nei grandi felini. Ora, la COVID-19 è stata rilevata in quattro leoni dello zoo di Barcellona in Spagna che sono risultati positivi. Si tratta di tre femmine, Zala, Nima e Run Run, e un maschio, Kiumbe, che sono stati sottoposti al test dopo aver manifestato sintomi lievi. Lo riporta la BBC.

Il mese scorso erano risultati positivi due impiegati dello zoo ma non è chiaro se gli animali siano stati contagiati da loro. “I leoni sono stati curati con antiinfiammatori veterinari che si somministrano in caso di un’influenza lieve e stanno rispondendo bene”, ha fatto sapere lo zoo in un comunicato precisando che non hanno avuto contatti con altri animali.

Il maschio di quattro anni e le femmine, che hanno tutti 16 anni, non hanno avuto contatti con altri animali dello zoo, che rimane aperto ai visitatori nonostante siano risultati positivi anche due membri del personale.

Gli animali hanno risposto bene alle cure. Sintomi più preoccupanti del coronavirus – come difficoltà respiratorie o altri sintomi respiratori – non sono stati trovati nei leoni. Tutti gli altri sintomi sono scomparsi dopo 15 giorni, ad eccezione di tosse e starnuti, ha detto lo zoo, sottolineando che il caso offre loro l’opportunità di sensibilizzare l’opinione pubblica su come il Covid-19 colpisce gli animali, in particolare i grandi felini. Lo zoo di Barcellona ha escluso che i visitatori del parco abbiano potuto contrarre  il virus dai leoni: «Nessuno che viene a vederli si avvicina abbastanza» ha rassicurato la direzione dello zoo. È il secondo caso di grandi felini contagiati dal Covid, la prima volta capitò lo scorso aprile a quattro tigri e tre leoni dello zoo del Bronx, a New York.