Covid: variante inglese, cani e gatti potrebbero contribuire alla diffusione

85
British vets are concerned about a dramatic drop in pet vaccination levels.
Uno studio britannico afferma che gli animali possono trasmettere la variante britannica agli esseri umani. La Russia ha annunciato l’approvazione del primo vaccino al mondo contro il coronavirus per animali.

Covid – 19: cani e gatti potrebbero contribuire alla diffusione della variante britannica. Uno studio britannico afferma che gli animali possono trasmettere la variante britannica agli esseri umani. Oggi la Russia ha annunciato l’approvazione del primo vaccino al mondo contro il coronavirus per animali

Secondo i risultati di un’indagine di una clinica veterinaria inglese, a Londra tra dicembre e febbraio si è verificato un improvviso aumento dei casi di miocardite in cani e gatti, che corrisponderebbe alla comparsa della variante britannica. La frequenza di questa malattia, che è caratterizzata dall’infiammazione del muscolo cardiaco, è aumentata negli animali domestici dall’1,4% al 12,8%. Non avevano più appetito, meno energia, erano imbarazzati a respirare e avevano il battito cardiaco che accelerava.

Tre campioni prelevati da campioni di sangue di animali malati sono risultati positivi per la variante britannica. “Lo sviluppo di segni clinici insoliti in questi animali, in questo caso il verificarsi di gravi anomalie cardiache secondarie a miocardite con deterioramento delle condizioni generali ma in assenza di segni respiratori primari” rappresenta un “risultato notevole e inaspettato”, scrivono i ricercatori. “Data la maggiore infettività e trasmissibilità della variante B.1.1.7 all’uomo, la scoperta di cani e gatti infetti evidenzia più che mai il rischio che gli animali domestici possano potenzialmente svolgere un ruolo significativo.

Nelle dinamiche del Sars-CoV-2 epidemia, più importante di quanto si pensasse ”, hanno spiegato i ricercatori britannici e francesi sul quotidiano Le Monde. Questa settimana, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la Russia ha annunciato l’approvazione del primo vaccino al mondo contro il coronavirus per animali, Carnivac-Cov. Vantando un tasso di efficienza del 100%, il paese sta pianificando la produzione di massa da aprile.